Oltre il 33% del volume NFT è Wash Trading: intervista al CEO di bitsCrunch

Gli NFT sono stati senza dubbio l'argomento più caldo della fine del 2021 e dell'inizio del 2022. Spinti verso l'adozione tradizionale da progetti come Bored Ape Yacht Club, Azuki, Okay Bears e altri, gli NFT erano in piena espansione.

Poiché il mercato in generale ha subito un notevole calo, con il prezzo di Bitcoin che ha perso quasi il 70% del suo valore nel giro di pochi mesi, anche i token non fungibili hanno subito la pressione. Le valutazioni sono crollate e progetti blue-chip come BAYC hanno visto i loro prezzi minimi prendere un colpo.

In mezzo a tutto questo, altri problemi affliggono anche l'industria nascente: il commercio di lavaggio è apparentemente dilagante mentre i progetti di copiatura si generano come funghi. In questo podcast, discutiamo di alcuni dei crescenti problemi del settore, nonché di possibili soluzioni per il futuro con Vijay Pravin – CEO e fondatore del fornitore di analisi NFT bitsCrunch.

Oltre un terzo di NFT, il volume di trading è Wash-Traded

Uno dei problemi principali dell'industria NFT da un po' di tempo è stato il wash trading. Per chi non lo sapesse, il wash trading è il processo di gonfiaggio artificiale del prezzo di un asset simulando l'attività di trading. Vediamo un esempio.

Immagina che John acquisti un NFT per 1 ETH. Tuttavia, vuole far sembrare che si tratti di un costoso oggetto da collezione che era riuscito a raccogliere a un prezzo d'occasione. Per fare ciò, crea un altro portafoglio MetaMask e lo "acquista" da se stesso per 10 ETH. Ora, devi ricordare che le vendite NFT avvengono on-chain e i dati sono registrati e verificabili pubblicamente. Questo è il motivo per cui la cronologia degli scambi per ogni singolo NFT su OpenSea (che si applica anche alla maggior parte dei mercati) è completamente visibile. Detto questo, chiunque controlli questo NFT ora vedrà che è stato acquistato per 1 ETH e poi venduto per 10 ETH, creando l'illusione che sia un pezzo costoso. Qualcuno potrebbe quindi decidere di spendere più di 10 ETH per questo, pensando di acquistare qualcosa di costoso, quando in realtà John ha gonfiato artificialmente il suo prezzo vendendolo a se stesso.

Questo problema può essere esteso per adattarsi a vari scopi. Ad esempio, i fondatori possono gonfiare artificialmente il volume di scambio delle loro collezioni per farle fare tendenza su varie piattaforme.

Parlando della questione, Pravin ha affermato che la sua azienda ha sgranocchiato i numeri e ha condiviso con noi che oltre un terzo del volume totale degli scambi NFT in tutti i mercati è soggetto a wash trading.

L'esempio sopra era particolarmente semplice. Pravin ha rivelato di aver identificato oltre 12 modelli che i trader di lavaggio utilizzano per raggiungere i loro scopi dannosi.

Gli NFT sono correlati al più ampio mercato delle criptovalute?

Il mercato delle criptovalute ha fallito negli ultimi mesi e il calo è aumentato questa settimana quando il prezzo di Bitcoin ha quasi toccato $ 20.000, un massimo storico precedente del 2017 e un livello critico.

Con questo, anche i prezzi NFT sono crollati. Ora, ci sono alcune cose importanti da considerare qui. I token non fungibili sono generalmente denominati nella criptovaluta nativa della rete su cui funzionano. Nella maggior parte dei casi, è ETH o SOL.

Logicamente, quando il prezzo di ETH o SOL diminuisce, anche il valore in USD dell'NFT, ma è importante vedere se scende anche la loro denominazione ETH o SOL. Finora, questo sembra essere il caso.

Ad esempio, al momento della stesura di questo articolo, il prezzo minimo di Bored Ape NFT è di circa 86 ETH ed era superiore a 130 ETH solo un paio di mesi fa. Secondo Pravin, esiste una correlazione tra i prezzi degli NFT e il più ampio mercato delle criptovalute, in particolare con alcune collezioni.

In qualità di fornitore di analisi e analisi forensi NFT, abbiamo esaminato alcune delle correlazioni. Ne vediamo alcuni, in particolare con collezioni come MAYC (Mutant Ape Yacht Club) – li vediamo correlati con ETH e altri valori crittografici.

D'altra parte, ci sono collezioni come ArtBlocks dove tutti possono coniare e hanno oltre 200.000 proprietari. Non sono correlati con Ethereum e altre monete generali.

Lo spazio NFT è come un bambino

Come accennato in precedenza, c'è un numero enorme di progetti nello spazio NFT che stanno semplicemente replicando collezioni di successo con piccoli cambiamenti o narrazioni rinnovate. Ci sono anche molti progetti con immagini discutibili.

Un esempio delle ultime settimane è Goblintown, una raccolta di goblin decisamente brutti (come se ci fossero dei bei goblin) in un chiaro riferimento al mercato orso come in "stiamo andando nella città dei goblin". La collezione è stata coniata gratuitamente e, a un certo punto, ha raggiunto ben 9 ETH in termini di prezzo minimo. E questa è ben lungi dall'essere la prima collezione di un genere che ha avuto una serie enorme.

Pravin ritiene che ciò sia dovuto al fatto che il mercato NFT è ancora molto giovane e, col tempo, l'industria si libererà dai "progetti spazzatura".

Paragonerei lo spazio NFT a un bambino che sta ancora gattonando e sta cercando di arrampicarsi. Mi aspetto che alcuni dei progetti spazzatura si perdano in questa situazione di mercato.

In un certo senso è un bene e un male, un male per coloro che mettono cuore e anima in un progetto, ma allo stesso tempo ripulisce anche le collezioni che non sono pronte per restare a lungo termine.

D'altra parte, crede che progetti come BAYC e CryptoPunks probabilmente non andranno via e che hanno portato molto valore allo spazio.

Pravin ha anche condiviso le sue opinioni su Web3, sul coinvolgimento dei VC e su come pensa che il mercato si formerà in futuro. Sentiti libero di guardare il nostro podcast video per scoprire come secondo lui saranno gli NFT nei prossimi due anni.

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto