Maggiore volatilità di Bitcoin mentre i numeri dell’IPC degli Stati Uniti arrivano al 6,5%

Il Dipartimento del lavoro degli Stati Uniti ha appena annunciato i numeri dell'inflazione (CPI) per l'ultimo mese del 2022, che si attestano al 6,5% su base annua.

Allo stesso tempo, la maggior parte degli esperti ha anche inchiodato l'aumento dell'IPC di base al 5,7%.

  • CryptoPotato ha riferito all'inizio di questa settimana che tutti gli occhi saranno puntati sul Dipartimento del Lavoro degli Stati Uniti giovedì, con la maggior parte delle stime che suggeriscono che i numeri dell'inflazione saranno intorno al 6%.
  • Le cifre effettive annunciate dal governo degli Stati Uniti sono esattamente le stesse: un aumento su base annua del 6,5% per l'IPC generale e un aumento del 5,7% per l'IPC core (esclusi cibo ed energia). Tuttavia, entrambi sono ancora i salti di dicembre più alti in oltre 40 anni.
  • Come per i precedenti annunci dell'IPC degli Stati Uniti, questo ha avuto un effetto immediato sul prezzo del bitcoin.
  • L'asset è andato alla grande dall'inizio dell'anno , guadagnando quasi $ 2.000 in meno di due settimane.
  • Ciò ha comportato un salto di prezzo a un massimo mensile di $ 18.400 oggi. Tuttavia, i numeri dell'IPC statunitense hanno portato BTC da oltre $ 18.300 a poco meno di $ 18.000 in pochi minuti. A partire da ora, tuttavia, l'asset ha recuperato terreno ed è tornato sopra i 18.000 dollari.

Il post Enhanced Bitcoin Volatility as US CPI Numbers Clock in at 6.5% è apparso per primo su CryptoPotato .

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto