For Freedom: Julian Assange Oggetto di NFT Drop Alla Biennale di Venezia

Il fondatore di WikiLeaks imprigionato, Julian Assange, è il soggetto di una nuova collezione NFT che sarà presente alla mostra d'arte della Biennale di Venezia di quest'anno. La raccolta, This Cannot Be Erased , è una collaborazione tra l'artista greco Miltos Manetas e l'acclamato compositore britannico Howie B.

Assange, che attualmente sta combattendo l'estradizione negli Stati Uniti, non è coinvolto nell'impresa anche se si dice che ne sia a conoscenza: Manetas, il cui lavoro ha esaminato a lungo il panorama digitale, è amico di lunga data dell'attivista.

La collezione verrà rilasciata in tre fasi di 37 gettoni ciascuna, con ogni NFT che rappresenta un unico dipinto ad olio su tela di Assange prodotto da Manetas. Le opere mostrano il volto di Assange, fratturato prima di tornare insieme, per non scomparire mai.

Icona Internet

Celebre artista concettuale, Miltos Manetas non è estraneo alla Biennale di Venezia: ha fondato il Padiglione Internet della mostra nel 2009 e la tenda tecnologica è la sede del suo ultimo lavoro.

Il Padiglione, giunto quest'anno alla settima edizione, è dedicato a Julian Assange. A maggio, Manetas e la direttrice di Lightbox Mara Sartore hanno aperto le porte a “AIIA – Assange is internet Internet is Assange”, una mostra con 222 ritratti dipinti a mano del giornalista prodotti da Manetas nell'ambito del movimento #AssangePower. La Biennale di Venezia 2022, giunta alla sua 59a edizione, va dal 23 aprile al 27 novembre.

Come collezione NFT, This Cannot Be Erased vive sia all'interno che all'esterno dell'Internet Pavilion della mostra. Dopotutto, mentre la serie fa parte dell'evento AIIA, i token stessi vivranno nei portafogli web3 dei loro acquirenti. Le 111 opere d'arte che compongono la collezione saranno coniate su Materia , una piattaforma NFT multi-catena creata da professionisti dell'arte e specialisti blockchain.

Unicamente, i detentori degli Assange NFT in edizione limitata diventeranno amministratori fiduciari di AIIA, con i fondi raccolti dalla vendita che entreranno nell'Internet Pavilion DAO. In sostanza, questo modello darà ai membri l'opportunità di influenzare il modo in cui il Padiglione distribuirà fondi a progetti artistici in futuro, con un'enfasi sulla promozione del lavoro legato alla libertà di Internet.

Secondo Manetas, la sua ambizione è garantire che le persone non dimentichino la difficile situazione di Assange, una possibilità concreta dato che molti media mainstream hanno interrotto la copertura del caso. Gli NFT sono meno facili da respingere, poiché vivono in perpetuo sulla blockchain pubblica. Per Manetas, Assange è un'icona di Internet, un uomo che ha messo in luce le contraddizioni delle democrazie liberali e, così facendo, è caduto in colpa dei mediatori del potere che cercano di mettere a tacere il dissenso e schiacciare i loro oppositori politici.

Manetas ha iniziato a dipingere Assange mentre era rinchiuso in Colombia durante il Covid nel 2020, e la sua intenzione era quella di creare un nuovo lavoro per ogni giorno di detenzione di Assange. Alla fine, sono stati prodotti 222 ritratti per riflettere i 222 giorni della Biennale di Venezia, di cui la metà è stata data in forma digitale tramite Materia.

L'artista ha già sostenuto la causa di Assange con la sua mostra "Assange's Condition" al Palazzo delle Esposizioni di Roma nel 2020, così come "Assange Situation" al Museo IKOB in Belgio un anno dopo. Manetas ha anche messo in contatto il dissidente con l'artista cripto Pak, la cui collezione Censored ha raccolto 54 milioni di dollari per il suo fondo legale all'inizio di quest'anno.

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto