Bitcoin può dare agli Stati Uniti una “spinta economica”, afferma l’esperto di finanza

La principale criptovaluta Bitcoin ha trovato un altro alleato nel macroeconomista Luke Gromen che ha recentemente affermato che gli Stati Uniti potrebbero ottenere vantaggi se iniziassero a vedere la valuta digitale come una risorsa e non come un qualsiasi tipo di minaccia.

Gromen ha rilasciato la sua dichiarazione durante la sua apparizione in un podcast del 14 settembre condotto da Natalie Brunell.

Gromen è molto rispettato nel mondo della ricerca finanziaria per la sua capacità di fornire un'analisi completa delle tendenze macroeconomiche globali e di attualità.

Secondo Gromen, nel caso in cui i rivali economici Cina e Russia scegliessero di accumulare oro, il Bitcoin sarebbe un'opzione e darebbe agli Stati Uniti un vantaggio soprattutto che un tale scenario potrebbe portare a un "esplosione" delle obbligazioni mercato.

"Avremmo un boom economico", ha affermato il macroeconomista.

Bitcoin è una minaccia per il dollaro USA?

Purtroppo, Gromen ha anche sottolineato una triste verità che ha perseguitato la cripto-alfa per così tanto tempo.

I responsabili politici statunitensi, al momento, vedono l'asset digitale come una minaccia alla valuta fiat del paese: il dollaro USA.

La dichiarazione di Gromen arriva pochi giorni dopo che il primo quadro normativo sulle criptovalute sotto il presidente degli Stati Uniti Joe Biden è entrato in moto nel bel mezzo di notizie circolanti sul declino e la volatilità che ora affliggono il panorama delle criptovalute.

L'amministrazione Biden è recentemente diventata attiva nel perseguire un maggiore controllo sulle criptovalute attraverso le leggi a causa della crescente popolarità della classe di asset.

Il macroeconomista Luke Gromen. Immagine: tecnico + giocatori

Si può ricordare che in un'audizione del 2019, il membro del Congresso Brad Sherman ha espresso i suoi sentimenti e timori sui potenziali pericoli che Bitcoin rappresenta per il biglietto verde che, per decenni, è stato considerato la valuta di riserva di riferimento mondiale.

Sherman ha detto che se la criptovaluta non funziona, fa perdere agli investitori un sacco di soldi. Se funziona davvero e raggiunge i suoi obiettivi, potrebbe sostituire il dollaro USA o interferire con il suo ruolo di "unica valuta di riserva al mondo".

Tali ideali si sono rivelati determinanti nell'indecisione del paese ad avere una prospettiva più positiva su Bitcoin.

La crescita del bitcoin non è una "bolla", afferma il macroeconomista

Sebbene Bitcoin stia fissando un calo del prezzo del 7,5% negli ultimi sette giorni e sia scambiato a $ 20,079 al momento della stesura di questo documento secondo i dati di Coingecko, la sua crescita non dovrebbe essere considerata una "bolla".

In effetti, Gromen ha riconosciuto la minaccia che questa crescita potrebbe rappresentare per il dollaro. Il macroeconomista, tuttavia, si è affrettato a spazzare via l'idea che Bitcoin sostituisse la valuta consolidata.

Gromen era fermamente convinto che questo non accadrà mai, dicendo che non era nemmeno necessario. Questo aiuta a rafforzare il suo suggerimento secondo cui gli Stati Uniti dovrebbero iniziare a considerare Bitcoin come una risorsa ora che c'è una grande possibilità che Cina e Russia riducano le loro fiches con l'oro.

Capitalizzazione di mercato totale di BTC a $ 382 miliardi sul grafico giornaliero | Fonte: TradingView.com Immagine in evidenza da Foodforfitness.co.uk, Grafico: TradingView.com

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto