Ronin Network annuncia la data di riavvio del bridge tre mesi dopo un hack da 625 milioni di dollari

Ronin Network, una blockchain EVM che alimenta il popolare gioco play-to-earn Axie Infinity, ha annunciato la data di riapertura del suo bridge tre mesi dopo essere stato sfruttato dalla famigerata banda di criminali informatici nordcoreani "The Lazarus Group".

Il ponte Ronin riaprirà il 28 giugno

Annunciando la data di riavvio su Twitter, il progetto ha affermato che il suo team di ingegneri ha lavorato 24 ore su 24 e il ponte riaprirà ufficialmente la prossima settimana, il 28 giugno.

Il progetto affermava anche che gli utenti a cui erano stati bloccati i fondi durante l'incidente avrebbero ricevuto un rimborso una volta riaperto il ponte.

Ronin ha inoltre osservato che il processo includerebbe un hard fork cruciale che richiederebbe ai validatori di rete di aggiornare il proprio software. I non validatori sono inoltre tenuti ad aggiornare i propri nodi utilizzando informazioni specifiche fornite dal progetto.

Migliorare la sicurezza

Dopo l'hacking di marzo, il progetto ha promesso di migliorare la sicurezza della rete collaborando con rinomate società di sicurezza, tra cui CrowdStrike e Polaris Infosec.

Inoltre, Sky Mavis, la società vietnamita dietro la blockchain di Ronin, ha annunciato l'intenzione di aumentare i nodi di convalida della rete a 21 entro la fine di questo mese, con l'obiettivo a lungo termine di averne oltre 100.

Al momento in cui scrivo, Ronin aveva 11 validatori attivi, tra cui Animoca Brands e Stable Nodes, con Delphi e Dialectic che si uniranno presto.

All'inizio di questa settimana, il progetto ha affermato che il ponte riprogettato era passato attraverso due audit esterni da parte delle principali società di sicurezza blockchain, Verichains e Certik.

Lazzaro invia un tornado sui fondi rubati

Dopo aver portato via con successo beni per un valore di oltre 600 milioni di dollari dal ponte Ronin a marzo, The Lazarus Group ha cercato di riciclare i proventi utilizzando diverse tecniche.

In primo luogo, gli hacker hanno cercato di lavare i fondi utilizzando Binance, ma non è andata bene. Ad aprile, lo scambio di criptovalute ha annunciato di aver recuperato circa $ 6 milioni dei $ 625 milioni dopo che il gruppo ha tentato di depositare le risorse su Binance utilizzando 86 account diversi. Secondo il rapporto , lo scambio ha bloccato i conti e recuperato i fondi.

Dopo il tentativo fallito, la banda si è rivolta a strumenti per la privacy e mixer di criptovalute come Tornado Cash per oscurare le proprie transazioni. Il mese scorso, i dati on-chain della piattaforma di analisi blockchain Nansen hanno rivelato che circa il 15% dei depositi di Tornado proviene dall'indirizzo del portafoglio di Lazarus.

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto