Le criptovalute in Svizzera non hanno vacillato nonostante l’anno difficile

Secondo i dati forniti dalla società di venture capital CV VC, la Svizzera cripto-amica non ha visto nulla di troppo drammatico a causa del recente calo del mercato.

Il rapporto "Top 50" ha rilevato che mentre 183 imprese blockchain in Svizzera hanno chiuso i battenti nel 2022, 190 nuove startup e uffici blockchain sono stati creati da società con sede in altri paesi.

Inoltre, i ricercatori hanno scoperto che la Swiss Crypto Valley, che ha sede nel cantone di Zugo, ha attualmente quasi lo stesso numero di organizzazioni che avrebbe nel 2021, ovvero 1.135.

Hanno una forza lavoro totale di 5.766 persone, che è inferiore di circa il 4% rispetto a prima dell'inizio dell'inverno delle criptovalute.

L'industria svizzera delle criptovalute si espande

C'è una distribuzione abbastanza forte e uniforme delle aziende nell'area della Svizzera e del Liechtenstein. Anche se le piattaforme costituiscono la maggior parte della Top 50, l'importanza delle società fintech non può essere sopravvalutata.

C'è un concomitante aumento del numero di offerte di scambio e scambio, nonostante la continua importanza delle banche di criptovaluta.

Secondo il rapporto, d'altra parte, Crypto Valley è lieta di accogliere le persone che stanno sviluppando infrastrutture come la gestione delle identità e coloro che stanno lavorando per migliorare l'efficienza operativa in campi come le arti, lo sport e i media.

Sulla base dei risultati dei ricercatori, la Svizzera è un modello eccezionale di governo basato sul consenso e ha una tendenza intrinseca al decentramento.

Tutti i livelli del governo, della politica e dell'industria, così come gli studi legali e le istituzioni accademiche, si uniscono in un'atmosfera che favorisce la cooperazione e la fiducia reciproca, afferma inoltre il rapporto.

A causa della sua rete densamente interconnessa, la Svizzera è considerata da molti il ​​principale caso di studio per i sistemi decentralizzati a livello globale.

Le imprese svizzere più importanti a fallire nel 2022 sono state la start-up FTX Europe e Covario, l'ultima delle quali era stata fondata per assistere altre imprese nella gestione delle partecipazioni in criptovalute.

A seguito della perquisizione degli uffici bulgari della società da parte delle forze dell'ordine che conducono un'indagine su un possibile riciclaggio di denaro, anche la filiale svizzera della società di prestatori di criptovalute con sede nel Regno Unito Nexo è sotto i riflettori. La società contesta le accuse che le sono state mosse.

Chi ci sta costruendo è consapevole della propria posizione e può procedere con sicurezza anche se il mercato diventa impegnativo.

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto