L’Argentina sequestra 1.269 portafogli di criptovalute legati a contribuenti delinquenti

Quando si tratta di criptovaluta, il paese sudamericano Argentina dall'adozione delle criptovalute alle normative, ha una lunga lista di argomenti caldi. Inoltre, secondo un recente rapporto di notizie dei media locali, l'ufficio delle imposte in Argentina ha confiscato più di 1.200 portafogli di criptovaluta collegati a contribuenti delinquenti.

Le leggi e le regole che regolano le criptovalute vengono implementate in tutto il mondo man mano che il loro utilizzo cresce. Sebbene tenere il passo con le normative in molte giurisdizioni internazionali sia difficile poiché l'ambiente crittografico non è costante, è sempre in modalità mutevole.

Lettura correlata | La Colombia lancia il registro fondiario nazionale su XRPL, come è successo a Ripple

I portafogli digitali appartenenti ai contribuenti in Argentina vengono sequestrati più frequentemente dall'agenzia delle entrate. Un totale di 1.269 portafogli basati su criptovalute appartenenti a persone che devono denaro all'AFIP argentino (che sostiene le norme fiscali e doganali del paese) sono stati sequestrati dai tribunali.

Il passo iniziale dell'autorità fiscale argentina per recuperare il debito

I molti modi in cui i contribuenti potrebbero nascondere i loro soldi per evitare la tassazione stanno venendo a conoscenza delle autorità fiscali di tutto il mondo. Pertanto, l'attuale politica e procedura dell'AFIP è un primo passo verso il recupero dei debiti. Ha attivamente acquisito il controllo dei portafogli digitali dei debitori dell'istituto.

BTC
Il prezzo di Bitcoin è attualmente scambiato a $ 19.322 sul grafico giornaliero | Grafico BTC/USD da TradingView.com

L'azienda suggerisce inoltre che proveranno a confiscare beni aggiuntivi di proprietà del contribuente se non sono in grado di pagare il proprio debito:

Quando il saldo disponibile è insufficiente, oi contribuenti non hanno questo tipo di collocamento, procedono a richiedere embarghi su altri beni.

In effetti, l'AFIP ha anche stabilito che ci sono 9.800 contribuenti scaduti. Pertanto, l'AFIP chiederà al Dipartimento di Giustizia di imporre embarghi su questi portafogli virtuali.

Inoltre, con questa mossa, l'organizzazione sarà in grado di sequestrare denaro da più di 30 diversi portafogli crittografici, tra cui Ualá, Naranja X, Bimo e altri. Il portafoglio digitale offerto da Mercadolibre, Mercado Pago, che consente ai creditori di conservare i propri fondi lontano dai funzionari delle tasse, è la priorità assoluta dell'autorità fiscale.

Lettura correlata | MakerDAO cerca di investire $ 500 milioni in territori non sfruttati di obbligazioni e titoli del tesoro

Sebastián Dominguez, consulente fiscale della DSC, chiarisce che mentre la novità indica che i portafogli digitali sono presi di mira nella procedura a causa della loro espansione, non ne consegue che gli altri asset non siano potenzialmente vulnerabili agli embarghi.

Tuttavia, ci sono alcune condizioni locali favorevoli alla base dell'adozione delle criptovalute, tra cui l'aumento del tasso di inflazione, la svalutazione della valuta locale e la mancanza di accesso ai dollari statunitensi. Pertanto, gli argentini hanno scelto le criptovalute come l'approccio più eccellente per proteggere i propri investimenti.

 Immagine in primo piano da Flickr e grafico da Tradingview

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto