Il fondatore di Telegram vuole il decentramento, ma l’app presumibilmente condivide i dati con il governo indiano

Il fondatore di Telegram vuole il decentramento, ma l'app presumibilmente condivide i dati con il governo indiano

Il fondatore di Telegram, Pavel Durov, ha chiesto una migliore decentralizzazione del mercato. Tuttavia, la società sta affrontando critiche sulla condivisione dei dati degli utenti privati.

Il fondatore e CEO di Telegram, Pavel Durov, ha chiesto il decentramento in un thread su Twitter pubblicato il 30 novembre. Durov ha affermato che l'industria della blockchain è iniziata con la promessa del decentramento, ma ha finito per perdere la strada con il potere che si è concentrato.

In quanto tale, Durov ritiene che la soluzione sia che i progetti blockchain "tornino alle loro radici": il decentramento, in altre parole. Chiede agli utenti di passare a transazioni affidabili e portafogli self-hosted, qualcosa che è stato anche sul radar delle autorità di regolamentazione.

Collega anche Fragment, una piattaforma di aste decentralizzata costruita su The Open Network, o TON . Inoltre, ha definito questo un clamoroso successo e ha affermato che ci sarebbe stato dell'altro in arrivo rispetto a Fragment.

Durov ha anche affermato che Telegram stava costruendo una serie di strumenti decentralizzati, tra cui un portafoglio non custodito e un DEX. In questo modo, "può riparare i torti causati dall'attuale eccessiva centralizzazione".

Tuttavia, le richieste di maggiore decentralizzazione sono guastate dalle accuse di condivisione dei dati da parte di Telegram. I critici della comunità hanno affermato che la condivisione degli utenti di Telegram è una violazione diretta dell'etica del movimento di decentralizzazione.

Telegram alimenta le critiche al rispetto dell'ordine del governo

Telegram è stata a lungo considerata un'app privata. Tuttavia, mesi più recenti hanno visto l'app e la società oggetto di critiche per le sue azioni.

In India, Telegram ha accettato di divulgare informazioni sugli utenti, inclusi nomi di amministratori, numeri di telefono e indirizzi IP, dopo che l'Alta corte di Delhi aveva chiesto alla società di farlo.

Telegram ha sostenuto che la divulgazione violerebbe la sua politica sulla privacy, ma la piattaforma ha comunque aderito. Un portavoce dell'azienda ha rifiutato di dire se avesse condiviso tali informazioni.

La divulgazione ha infastidito molti, che credono che vada contro la posizione di Telegram sulla privacy. Certamente, porta una certa incredulità ai pensieri di Durov sul decentramento.

Ecosistema TON in lenta crescita

TON ha fatto dei progressi negli ultimi mesi. Ha annunciato alla fine di ottobre che avrebbe tenuto un'asta per i nomi utente sul suo mercato TON. Durov ha affermato che l'azione ha portato alla vendita di nomi utente per un valore di oltre 50 milioni di dollari in meno di un mese.

Il fondatore di Telegram, Pavel Durov, parla del decentramento e degli strumenti decentralizzati di Telegram

DWF Labs ha anche stanziato 10 milioni di dollari per supportare l'ecosistema di TON, che sta espandendo le sue ambizioni web3. La Fondazione TON sta anche cercando di portare più progetti nel suo ecosistema, impegnando 126 milioni di dollari per la causa.

Il post Il fondatore di Telegram vuole il decentramento, ma l'app presumibilmente condivide i dati con il governo indiano è apparso prima su BeInCrypto .

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto