Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha istituito un’unità di pubblici ministeri per limitare il crimine crittografico

Il Dipartimento di Giustizia (DOJ) degli Stati Uniti ha creato un'unità composta da oltre 150 pubblici ministeri federali il cui obiettivo sarà combattere le attività criminali legate alle criptovalute. Inoltre, il governo prevede di introdurre una serie di quadri normativi che dovrebbero aiutare lo sviluppo del settore delle risorse digitali locali.

All'inizio di quest'anno, il DOJ ha istituito un'altra divisione, chiamata "National Cryptocurrency Enforcement Team" e ha nominato il procuratore della sicurezza informatica – Eun Young Choi – come capo.

Concentrarsi più a fondo sulle frodi crittografiche

In una recente intervista per il Wall Street Journal, il DOJ ha rivelato la sua determinazione a limitare l'uso di criptovalute in reati come il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo. In quanto tale, ha formato un'unità di pubblici ministeri federali denominata "The Digital Asset Coordinators Network". Gli specialisti dovrebbero impiegare la loro esperienza per identificare e prevenire tali attività illecite.

Eun Young Choi – il primo Direttore del “National Cryptocurrency Enforcement Team” precedentemente istituito – ha affermato che le risorse digitali sono diventate sempre più popolari tra i malfattori e, quindi, concentrarsi sulla questione è di grande importanza.

“I reati contro i beni digitali sono veramente multidisciplinari. Sono indagini transfrontaliere, complesse e impegnative e richiedono un certo livello di competenza", ha aggiunto.

Oltre a dare la caccia ai truffatori di criptovalute e ad assicurarli alla giustizia, la divisione appena introdotta istruirà altri funzionari governativi sui problemi emergenti nel settore, come la tassazione e le questioni ambientali.

All'inizio del 2022, il DOJ ha creato il suddetto "National Cryptocurrency Enforcement Team" per far fronte agli schemi fraudolenti di criptovaluta e, più specificamente, ai criminali informatici dell'Iran e della Corea del Nord. A febbraio, il Dipartimento ha annunciato Choi come leader dell'unità, che ha commentato:

"Stiamo cercando di centralizzare in modo da essere uno sportello unico di tutti gli esperti in materia all'interno del dipartimento".

DOJ contro criminali crittografici

Vale la pena notare che l'istituzione del "National Cryptocurrency Enforcement Team" ha avuto un impatto positivo sulle operazioni del Dipartimento di Giustizia contro i criminali di criptovaluta.

Ad aprile, le forze dell'ordine hanno confiscato risorse digitali per un valore di circa 34 milioni di dollari a un hacker del Dark Web. Quest'ultimo è un residente del sud della Florida che ha utilizzato uno pseudonimo online per vendere più di 100.000 articoli illeciti sul mercato in cambio di criptovalute.

Un'indagine congiunta tra più autorità federali, statali e locali ha identificato il trasgressore e gli ha sequestrato 919,3 ETH, 643 BTC, 640 BTG, 640 BCH e 640 BSV, che ha segnato una delle più grandi confische di risorse digitali mai eseguite dall'americano autorità.

Un mese dopo, il DOJ ha accusato il CEO e co-fondatore di Mining Capital Coin (MCC) – Luiz Capuci Jr. – di gestire uno schema piramidale di criptovalute da 62 milioni di dollari. Il presunto criminale ha promesso grandi ricompense agli utenti della sua piattaforma ma, in cambio, ha utilizzato i loro fondi per acquistare per sé oggetti di lusso, come una Lamborghini, una Porsche e una Ferrari. Capuci potrebbe affrontare una pena massima di 45 anni di carcere se ritenuto colpevole.

Il post Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha istituito un'unità di procuratori per limitare il crimine crittografico è apparso per la prima volta su CryptoPotato .

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto