Il capo della SEC Gary Gensler suggerisce che il passaggio di Ethereum alla prova di partecipazione potrebbe trasformare l’ETH in una sicurezza

Il capo della SEC Gary Gensler suggerisce che il passaggio di Ethereum alla prova di partecipazione potrebbe trasformare l'ETH in una sicurezza

Il passaggio fondamentale di Ethereum dal proof-of-work al proof-of-stake potrebbe aver appena riportato la criptovaluta nel mirino della Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti.

Giovedì, il presidente della SEC Gary Gensler ha dichiarato che le criptovalute proof-of-stake potrebbero qualificarsi come titoli nell'ambito del test di Howey.

Le attività PoS potrebbero essere soggette a leggi sui titoli: Gensler

Gary Gensler ha accennato a un ulteriore controllo per le criptovalute proof-of-stake.

Secondo un rapporto del Wall Street Journal , Gensler ha ipotizzato che le criptovalute proof-of-stake, che consentono ai possessori di generare reddito passivo attraverso lo staking, potrebbero essere definite come titoli nell'ambito dell'Howey Test. Tali asset sono molti oggi sul mercato, tra cui Cardano, Solana e, più recentemente, Ethereum, la seconda criptovaluta più grande del mondo per valore di mercato. Tuttavia, va notato che il presidente della SEC non ha menzionato direttamente l'etere o qualsiasi altra risorsa crittografica mentre commentava il proof-of-stake e lo staking.

Il famigerato Howey Test stabilisce se un bene ha caratteristiche simili a un contratto di investimento ed è quindi soggetto alle normative federali sui titoli.

"Questo è un altro indizio che sotto il test di Howey, il pubblico che investe sta anticipando i profitti sulla base degli sforzi degli altri", ha riferito il WSJ sottolineando.

I commenti di Gensler sono arrivati ​​sulla scia di Ethereum che ha finalmente eseguito la tanto attesa fusione , il che significa che la blockchain non utilizza più il modello di sicurezza proof-of-work che consuma energia e si affida invece ai validatori che mettono in gioco le loro monete per ottenere consenso e proteggere la rete .

Mentre Ethereum è ora più veloce e ha perso la stragrande maggioranza del suo impatto ambientale, il passaggio a PoS potrebbe avere gravi implicazioni per la criptovaluta. Gensler suggerisce che potrebbe essere soggetto a leggi sui titoli.

L'etere è una sicurezza?

Da quando ha preso il timone alla SEC lo scorso aprile, Gensler ha spesso attirato le ire della criptosfera. Gran parte delle frustrazioni sono derivate dall'intransigenza della SEC nel dare il via libera a un ETF (exchange-traded fund) Bitcoin spot e dalle reiterate osservazioni di Gensler su come regolamentare le risorse crittografiche. Sebbene abbia chiarito che è posizione della SEC che quasi tutte le criptovalute siano titoli, l'agenzia non ha ancora creato un quadro normativo chiaro.

Gabor Gubacs, digital asset director presso la principale società di gestione di fondi globale VanEck, ha osservato in un tweet di aver affermato da oltre sei anni che "le transizioni da POW a POS possono attirare l'attenzione delle normative".

Gubacs ha chiarito che non significa che Ethereum sia un titolo a causa del suo meccanismo di consenso, ma i regolatori descrivono semplicemente le ricompense come dividendi, che è un fattore chiave nel test di Howey.

I predecessori di Gensler avevano pubblicamente dichiarato che sia bitcoin che ether dovrebbero essere classificati come commodities. Tuttavia, ha ribadito che bitcoin è una merce, ma si è astenuto dall'estendere la stessa etichetta a Ethereum. Tuttavia, la questione dello stato di sicurezza di Ethereum continua a essere sollevata.

La questione è emersa come un punto critico nella lunga causa della SEC contro Ripple e i suoi massimi dirigenti per la vendita di titoli non registrati sotto forma di token XRP da parte della società.

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto