Il banchiere sudcoreano avrebbe sottratto 1,1 milioni di dollari per investire in Bitcoin

Il banchiere sudcoreano avrebbe sottratto 1,1 milioni di dollari per investire in Bitcoin

Un dipendente della banca sudcoreana BNK Busan avrebbe sottratto 1,48 miliardi di won (1,1 milioni di dollari) di fondi dei clienti per investire in Bitcoin.

Tra il 9 giugno e il 25 luglio, un dipendente che lavorava nel team di cambio della banca avrebbe sottratto denaro in diverse occasioni, secondo un annuncio .

Ogni volta, il dipendente avrebbe depositato denaro ricevuto dai clienti all'estero sul conto personale del loro partner romantico. I fondi sottratti indebitamente sono stati quindi utilizzati per investire in Bitcoin e altre criptovalute.

Oltre a intraprendere un'azione legale contro il dipendente, la BNK Busan Bank ha affermato che sarebbe stata sottoposta a un autocontrollo, secondo la sua divulgazione. Questo è l'ultimo di oltre 10 casi di appropriazione indebita perpetrati da dipendenti di banche in Corea del Sud quest'anno.

All'inizio di quest'anno, è stato scoperto che un dipendente della Woori Bank avrebbe sottratto quasi 70 miliardi di won (53,6 milioni di dollari) dal 2012.

Successivamente, il servizio di vigilanza finanziaria della Corea del Sud ha iniziato a preparare linee guida più rigorose per i controlli interni all'interno delle banche.

I regolatori sudcoreani lanciano un'indagine

La scoperta è probabilmente il risultato di una recente scelta politica fatta dalle autorità della Corea del Sud. Il mese scorso, i regolatori finanziari della Corea del Sud hanno iniziato a sondare le transazioni in valuta estera presso le banche commerciali per le transazioni illecite che coinvolgono criptovalute.

Secondo un funzionario anonimo del servizio di supervisione finanziaria, le autorità hanno controllato le banche per eventuali collegamenti a riciclaggio di denaro o speculazioni valutarie che coinvolgono asset crittografici. Sebbene abbia trascurato di identificare eventuali scambi di criptovalute in esame, Shinhan Bank è stato rivelato come uno dei prestatori sotto inchiesta.

Ritardo fiscale sulle criptovalute

Nel frattempo, le autorità della Corea del Sud hanno recentemente ritardato ancora una volta l'attuazione di un regime fiscale sulle criptovalute, con il nuovo piano per l'entrata in vigore dell'imposta sulle plusvalenze del 20% nel 2025. L'imposta sulle plusvalenze del 20% sulle criptovalute avrebbe dovuto entrare in vigore dall'inizio del 2023.

La tassa del 20% si applicherebbe ai guadagni in criptovalute che superano $ 1.900 in un periodo di un anno. Molti partecipanti al mercato contestano la regola, ritenendo che tassare guadagni superiori a $ 1.900 sia troppo rigoroso. Gli investitori più piccoli, ad esempio, sarebbero particolarmente colpiti da questa soglia particolare.

Il post -banchiere sudcoreano avrebbe sottratto 1,1 milioni di dollari per investire in Bitcoin è apparso per la prima volta su BeInCrypto .

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto