Grayscale Bitcoin Trust: la società di ricerca conclude la prova delle riserve, ma c’è un problema

Mentre non ci sono ancora dettagli su un possibile salvataggio di Genesis Trading, ci sono almeno apparentemente alcune notizie positive per quanto riguarda Grayscale Bitcoin Trust (GBTC).

Ryan Selkis, co-fondatore di Messari,ha dichiarato martedì che sembra che Genesis abbia "giorni, non settimane" per raggiungere un accordo con i creditori per evitare il Capitolo 11 . Un cantiere per la comunità crittografica, la questione se Grayscale possieda davvero Bitcoin con un rapporto 1: 1 è stata ora indagata dalla società di analisi OXT Research.

Da parte sua, Grayscale, che è il più grande detentore legale di Bitcoin con circa 633.000 BTC, ha rifiutato di fornire una prova di riserva nei giorni scorsi. Grayscale ha dichiarato in una dichiarazione via Twitter che non può rendere pubblicamente disponibile una prova di riserva crittografica da Coinbase Custody a causa di problemi di sicurezza.

"Sappiamo che il punto precedente in particolare sarà una delusione per alcuni, ma il panico scatenato da altri non è una ragione sufficiente per aggirare i complessi accordi di sicurezza che hanno tenuto al sicuro i beni dei nostri investitori per anni", ha affermato Grayscale.

Poco dopo, Coinbase Custody ha anche pubblicato una lettera agli investitori in scala di grigi. La società ha rassicurato gli investitori e ha confermato che i fondi erano tenuti in celle frigorifere. Tuttavia, a causa di una rigida regolamentazione, a Coinbase Custody è proibito dalla legge prestare fondi ai clienti, ha affermato la società.

La ricerca OXT fornisce la prova delle riserve per la scala di grigi

Per iniziare uno sforzo guidato dalla comunità per fornire trasparenza per le partecipazioni GBTC, OXT Research ha adottato misure negli ultimi giorni per identificare probabili indirizzi e saldi GBTC basati su informazioni pubbliche e blockchain forensics.

Domenica hanno pubblicato la prima parte della loro analisi, in cui hanno utilizzato dati pubblici e analisi forensi della catena per identificare 432 indirizzi con 317.705 BTC come probabile attività di custodia di GBTC. Tuttavia, questo rappresentava solo il 50% circa delle partecipazioni attuali segnalate da GBTC.

“È necessario ulteriore lavoro per identificare gli indirizzi rimanenti. […] Ma ci vorrà molto tempo per identificare i rimanenti ~ 315k BTC”, ha affermato OXT Research.

Nella seconda parte della sua analisi, pubblicata poche ore fa, la società di ricerca ha utilizzato ulteriori analisi forensi on-chain per confermare il saldo approssimativo di 633.000 BTC detenuto presso Coinbase Custody.

Il punto di partenza della prima parte dell'analisi è stato il trasferimento di 240.000 BTC dall'allora custode di GBTC XAPO a Coinbase Custody dopo luglio 2019, ma questo approccio si è esaurito. Ecco perché OXT Research si è estesa alle interazioni di Grayscale e Coinbase Custody con controparti note nella seconda parte della sua indagine.

Di conseguenza, l'azienda conclude che l'autosegnalazione di Grayscale è credibile:

Ovviamente nessuna euristica o insieme di euristiche è perfetta, e questa analisi include certamente falsi positivi e negativi. Ma il nostro risultato è quasi identico alle partecipazioni autodichiarate di G(BTC).

Parte 2 Stima: 634.639 BTC G(BTC) Dichiarata: 633.394 BTC

Tuttavia, c'è anche un (piccolo) problema. Nonostante detenga tanto BTC quanto afferma di detenere, Grayscale ha scelto di rinunciare alla trasparenza. "Perché?"

In origine, la società di ricerca riteneva che "Coinbase Custody avesse una sorta di accordo di non divulgazione". Tuttavia, questo contraddice una lettera ufficiale.

OXT Research conclude quindi che uno degli unici veri motivi per cui Grayscale potrebbe non voler divulgare i propri indirizzi è che vogliono evitare di fornire informazioni su chi sono le loro controparti più utilizzate.

Questo potrebbe essere DCG e Genesis Trading, secondo OXT Research. L'analisi mostra che Grayscale ha due gruppi di portafogli preferiti come controparti. Entrambi questi cluster hanno profili di portafoglio "OTC" con un numero basso di transazioni e indirizzi, volumi BTC elevati e una preferenza per l'attività durante l'orario di lavoro EST:

Sono anche intimamente collegati, con 1057 transazioni dirette e 336k BTC in flussi diretti tra i due cluster. Una relazione massiccia, che indica che questi potrebbero essere la stessa entità.

Al momento della stampa, BTC era scambiato a $ 16,576, lottando per superare la principale resistenza di $ 16,6k.

BTC USD

Prezzo del bitcoin nel grafico a 15 minuti. Fonte: Trading View

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto