Alcala riprende le operazioni dopo aver stampato per errore oltre $ 3 miliardi di Stablecoin

Alcuni progetti blockchain hanno a che fare con gli hacker e altri, come Alcala, hanno a che fare con i propri sviluppatori. Un "errore umano" di qualche settimana fa ha quasi ucciso l'intero progetto. Tuttavia, grazie allo sforzo reciproco della comunità e degli sviluppatori, il problema è stato risolto, più o meno.

Il 26 settembre, la rete Acala ha annunciato la riattivazione delle sue operazioni dopo aver recuperato $ 2,970 milioni in un USD dei $ 3,022 milioni del suo team
stampato erroneamente in agosto.

Secondo Acala, la comunità ha votato per riprendere le operazioni di rete dopo aver bruciato quasi la totalità (2,7 miliardi di dollari a USD) dei token stampati.

Un errore molto costoso

Il 15 agosto, la piattaforma DeFi Acala ha pubblicato un rapporto in cui spiegava come abbiano erroneamente stampato oltre 3 miliardi della sua stablecoin aUSD, provocandone il crollo immediato . A quel tempo, aUSD è crollato di oltre il 99%, raggiungendo un prezzo inferiore a $ 0,01 per moneta.

A causa del fallimento, la rete ha deciso di interrompere le operazioni di scambio, le comunicazioni tra catene su Polkadot e gli oracoli, tra le altre considerazioni. Il team ha anche affermato che le operazioni sarebbero riprese "in modo sicuro e graduale" una volta risolto l'errore e ripristinata la parità con il dollaro USA.

"Per contenere l'aUSD coniato erroneamente, sono stati approvati voti di governance urgenti per mettere in pausa il protocollo Horizon, xtoken (trasferimento xcm in uscita), EVM, trasferimento di token non ACA, Oracle Pallet e riscatto istantaneo LDOT".

Da allora, la rete è entrata in modalità di manutenzione bloccando i fondi degli utenti per recuperare i token non protetti. La comunità ha successivamente votato per identificare e distruggere i token stampati erroneamente, il che ha aiutato a ripristinare le operazioni nonostante il fatto che aUSD rimanga a $ 0,77 , che è lontano dall'adeguato riferimento di $ 1.

Alcala e lo stato di un USD ad oggi

Secondo l' ultimo rapporto di Acala, la rete ha una fornitura circolante totale di 10.961.589, un USD. Di questi, un totale di 5.837.712 USD sono stati ricollateralizzati dalla Fondazione Acala.

Inoltre, il protocollo è già riuscito a ricapitalizzare e ribilanciare i pool di liquidità di Acala Swap ai livelli pre-incidente, grazie al supporto della fondazione Alcala, che ha donato 2.489.614 ACA, 80.853 DOT, 0,164 iBTC, 995.020 INTR, 530.700 LDOT.

"Poiché tutti gli aUSD in circolazione sono stati ora ri-collateralizzati e i pool di liquidità sono stati ricapitalizzati e ribilanciati, la rete di Acala è pronta a riprendere le normali operazioni".

Tuttavia, alcuni asset sono ancora congelati dal voto della comunità, mentre altri sono bloccati in una serie di scambi centralizzati (CEX) che hanno supportato lo sforzo di recupero dell'aUSD. Acala offre anche premi fino al 5% agli utenti che restituiscono i fondi coinvolti nell'incidente.

Centralizzazione vs. decentramento

Anche se il team di Alcala ha agito rapidamente, ha dovuto congelare i fondi degli utenti per controllare la situazione. Ciò contraddice la natura decentralizzata resistente alla censura del protocollo.

Nonostante la decisione di Acala sia stata criticata da alcuni utenti sui social network, il crollo di un'altra stablecoin, come aUSD, potrebbe essere stato caotico per il mercato delle criptovalute, considerando i precedenti di UST e LUNA.

Sebbene Acala abbia ripreso le sue operazioni di rete, ora deve lavorare per riconquistare la fiducia degli utenti. E questo a volte è più difficile della codifica di un contratto intelligente.

Il post Alcala riprende le operazioni dopo aver stampato oltre $ 3 miliardi di Stablecoin per errore è apparso per la prima volta su CryptoPotato .

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto