$ 40 miliardi di fondi pensione australiani Riposo Super piani per investire in criptovalute

Retail Employees Superannuation Trust (noto anche come Rest Super) potrebbe diventare il primo fondo pensione australiano a investire in risorse digitali. Tuttavia, Andrew Lill, CIO della società, ha osservato che le criptovalute sono ancora un "investimento molto volatile" e la società intende entrare nel mercato con una "allocazione abbastanza piccola".

Le criptovalute stanno "andando avanti nel futuro"

Rest Super ha rivelato le sue intenzioni di saltare sul carro delle criptovalute durante un'assemblea generale annuale riportata da Business Insider. Il Chief Investment Officer dell'azienda, Andrew Lill, ha affermato che la sua azienda vede le risorse digitali come una "parte molto interessante e importante" del suo portafoglio che "va avanti nel futuro".

Tuttavia, ha toccato la natura volatile del bitcoin e delle monete alternative, motivo per cui è probabile che Rest Super inizi in piccolo:

"È ancora un investimento molto volatile, quindi è probabile che qualsiasi esposizione di allocazione che facciamo alle criptovalute faccia parte del nostro portafoglio diversificato come inizialmente un'allocazione piuttosto piccola che potrebbe, nel tempo, costruire."

L'esecutivo ha aggiunto che tale investimento deve essere esaminato a fondo prima di essere eseguito. Anche l'incertezza normativa nel settore è un problema, ha concluso Lill.

Andrea Lilli
Andrew Lill, Fonte: Rivista di investimento

Fondato nel 1988, Rest Super è uno dei più grandi fondi pensione in Australia. Ha circa $ 40 miliardi di asset in gestione e quasi 1,7 milioni di membri.

QIC guarda anche agli investimenti in criptovalute

Mentre Rest Super potrebbe diventare il primo fondo pensione australiano a investire in risorse digitali, non è l'unico a mostrare tali intenzioni. Come riportato da CryptoPotato il mese scorso, Queensland Investment Corporation (QIC) ha rivelato che potrebbe avventurarsi nel mercato delle criptovalute effettuando piccoli investimenti.

Tuttavia, a parte le società di cui sopra, i cosiddetti super fondi australiani che gestiscono i risparmi per la pensione di milioni di persone sono stati scettici sull'approfondire il settore degli asset digitali.

Stuart Simmons – capo delle valute di QIC – ha spiegato che questo è il risultato dell'incertezza su come i governi a livello globale interverranno nel settore in rapida crescita:

"In questo momento, ci sono una serie di incertezze e l'infrastruttura operativa per gli investimenti istituzionali rimane immatura".

Se le istituzioni sono protette dal furto di asset e dalla manipolazione del mercato, mostreranno più interesse per gli investimenti in criptovalute, ha aggiunto Simmons:

“Non credo che sia inevitabile che i super fondi e il mercato istituzionale investano in criptovalute, ma man mano che il segmento matura. . . c'è una probabilità che i super fondi cerchino esposizione".

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto