Secondo quanto riferito, ZB Crypto Exchange perde quasi $ 5 milioni in un possibile hack

ZB.com sembra essere l'ultima vittima di una serie di ultimi incidenti di hacking, con potenziali hacker che avrebbero prosciugato circa $ 4,8 milioni dal portafoglio caldo dell'exchange di criptovalute.

La piattaforma, che afferma di essere lo scambio di risorse digitali più sicuro al mondo, aveva precedentemente sede in Cina prima di trasferirsi e avviare operazioni in altri paesi.

Circa $ 4,8 milioni di Crypto lascia ZB.com

La società di sicurezza blockchain PeckShield ha riferito che 21 diverse risorse crittografiche per un valore di oltre $ 4,7 milioni sono state spostate dall'hot wallet di ZB.com in quello che potrebbe essere un attacco di hacking. Parte delle criptovalute uscite dallo scambio includono MATIC, APE, SHIB, AAVE, USDT, USDC, CRV e 1INCH.

Nel frattempo, la segnalazione è arrivata poco dopo che lo scambio di criptovalute ha annunciato la sospensione temporale di depositi e prelievi. Secondo una dichiarazione sul post del blog di Zb.com:

“A causa dell'improvviso errore di alcune applicazioni principali, la risoluzione del problema richiede ancora del tempo. I servizi di deposito e prelievo sono ora sospesi. Si prega di non depositare alcuna valuta digitale prima del recupero. Qualsiasi modifica è soggetta all'annuncio. Ci scusiamo per gli eventuali disagi causati e vi ringraziamo per la pazienza!

La piattaforma, tuttavia, non ha confermato se la sospensione fosse dovuta a una violazione della sicurezza del suo hot wallet. È interessante notare che la società afferma di essere "lo scambio di risorse digitali più sicuro al mondo".

ZB.com, precedentemente noto come CHBTC.com, è stata fondata nel 2013 e ha sede in Cina. A seguito della repressione del commercio di criptovalute nel 2017 da parte del governo cinese, l'azienda ha cessato tutte le operazioni nel paese e si è trasferita, rinominando in seguito il nome attuale. Lo scambio ha oltre 10 milioni di utenti.

Tre hack in tre giorni?

Il possibile hack di Zb.com lo rende il terzo incidente che l'industria ha subito nel solo mese di agosto. Come riportato in precedenza da CryptoPotato, il ponte Nomad ha subito un exploit, con gli aggressori che hanno prosciugato quasi 200 milioni di dollari di criptovalute dai fondi del protocollo.

Alcuni degli hacker coinvolti nell'incidente hanno restituito $ 9 milioni a un indirizzo di recupero fondi fornito da Nomad.

Anche la rete Solana è stata vittima di un hack multimilionario il 3 agosto, con oltre 7.700 portafogli compromessi nell'attacco. Le perdite dei portafogli interessati sono stimate in circa 8 milioni di dollari.

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto