L’exchange di criptovalute Huobi prevede un calo del 30% delle entrate dopo il giro di vite in Cina

Secondo il suo cofondatore Du Jun, l'exchange di criptovalute Huobi prevede un calo del 30% delle sue entrate sulla scia della repressione cinese sulla criptovaluta .

Parlando alFinancial Times , Jun ha affermato che lo scambio è "in procinto di smettere di servire tutti i [suoi] utenti cinesi", entro la fine del 2021. "Non ci saranno utenti cinesi sulla piattaforma […] quindi i nostri ricavi da [questi clienti] andranno a zero", ha aggiunto.

Per compensare la perdita di fatturato dal mercato cinese, Huobi prevede di espandere la propria offerta in altri paesi. "Siamo molto a nostro agio in Asia e qui siamo i leader, ma abbiamo bisogno di una nuova enfasi, dobbiamo diventare globali", ha detto Jun al FT .

Di conseguenza, lo scambio sta cercando di quadruplicare il suo organico dagli attuali 1.000 come parte dei suoi sforzi per espandersi a livello globale.

La repressione delle criptovalute in Cina

All'inizio di quest'anno, il governo cinese ha intrapreso un'ampia repressione diretta contro l'industria delle criptovalute del paese. Poiché i minatori di criptovalute sono stati invitati a chiudere bottega dalle autorità regionali , il Consiglio di Stato cinese ha incluso il mining di Bitcoin in un elenco di rischi finanziari che richiedevano il monitoraggio.

A maggio, tre delle associazioni di pagamento e finanziarie del paese hanno ribadito il divieto da parte della banca centrale di società finanziarie impegnate in transazioni di criptovaluta e hanno esortato gli investitori a vietare il trading di criptovalute, descrivendolo come un'attività "speculativa".

La repressione di Bitcoin del 2021 in Cina: cosa devi sapere

Giorni dopo, Huobi ha annunciato che avrebbe sospeso i contratti futures, i prodotti negoziati in borsa e i prodotti di investimento con leva finanziaria a nuovi utenti in alcuni paesi e regioni e che non avrebbe più venduto macchine minerarie e servizi correlati ai nuovi utenti nella Cina continentale.

Un mese dopo, la banca centrale ha chiesto alle banche e agli istituti di pagamento cinesi di interrompere la fornitura di una serie di servizi di criptovaluta, tra cui l'apertura di conti, transazioni e regolamenti.

La logica della Cina dietro il blocco delle criptovalute è duplice. In primo luogo, l'estrazione di criptovalute proof of work come Bitcoin è un'attività ad alta intensità energetica , con uno studio all'inizio del 2021 che indica che l'attività potrebbe far deragliare gli obiettivi di riduzione delle emissioni della Cina .

Yuan digitale cinese vs Bitcoin

In secondo luogo, la Cina sta lanciando la propria valuta digitale della banca centrale, lo yuan digitale o DCEP , una valuta digitale centralizzata che opera sotto il controllo della People's Bank of China e della Commercial Bank. Le criptovalute, che operano senza il controllo di un'autorità centralizzata, rappresentano una sfida diretta all'adozione del DCEP.

Ma il divieto di mining di Bitcoin in Cina non è riuscito a eliminare una volta per tutte la criptovaluta. Mentre la repressione iniziale ha portato i minatori nel paese a chiudere le loro operazioni e un crollo del tasso di hash di Bitcoin, da allora molti minatori si sono trasferiti all'estero. A luglio, l'hash rate di Bitcoin era sulla buona strada per il recupero; a ottobre, gli Stati Uniti erano diventati il più grande mercato minerario di Bitcoin , superando la Cina.

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto