Le criptovalute non fanno parte del futuro di HSBC, il CEO spiega perché

Le criptovalute non fanno parte della strategia di tutte le banche per il futuro.

HSBC, una delle più grandi banche multinazionali del mondo, afferma di non essere troppo sicura delle criptovalute e quindi non offrirà alcun servizio ad essa correlato in futuro.

Noel Quinn, CEO di HSBC, afferma:

“Mi preoccupo per la sostenibilità delle valutazioni delle criptovalute e l'ho fatto per un po'. Non ho intenzione di prevedere dove andrà in futuro".

In una recente intervista con CNBC-TV18, Quinn ha confermato che non calpesterà lo spazio crittografico come gli scambi o il trading, né ora né mai perché ritiene che non sia definito e testato troppo chiaramente in termini di stabilità e idoneità per molti consumatori oggi.

Immagine: PaymentsJournal HSBC non è un fan di Bitcoin

Nel maggio 2021, Quinn ha rivelato a Reuters il suo punto di vista sul Bitcoin come inadatto ai pagamenti perché è difficile da quantificare su un bilancio a giudicare dalla sua elevata volatilità. D'altra parte, Quinn la vede generalmente come una classe di attività.

Dice anche che a causa della natura volatile di Bitcoin, si rifiutano di supportarlo o promuoverlo come asset class.

Per gli stessi motivi, HSBC è anche cauta nel saltare alle stablecoin. Sebbene le stablecoin abbiano un valore memorizzato o siano sostenute dal dollaro USA, dipenderà comunque dall'accessibilità, dalla struttura e dall'organizzazione che le sostiene.

Nell'aprile 2021 sono state implementate alcune modifiche nella politica sulle risorse digitali di HSBC Canada che includevano la sospensione delle transazioni di vendita o lo scambio di prodotti correlati alle criptovalute.

Nessuna sicurezza e stabilità?

Quinn ha una visione piuttosto pessimistica delle risorse digitali e di come si adatteranno al mercato odierno o alla base di consumatori.

Oltre all'elevata volatilità delle criptovalute, l'aumento degli attacchi informatici in connessione allo spazio crittografico ha anche spinto molte istituzioni finanziarie a perdere fiducia in Bitcoin e simili.

In effetti, oltre il 56% degli attacchi informatici è stato mirato alle criptovalute e sono stati in grado di hackerare circa 1 miliardo di dollari. Lazarus, un famigerato gruppo di hacker, è stato in grado di rubare risorse digitali per un valore di circa 540 milioni di dollari su Ronin Bridge e altre piattaforme DeFi. Alla luce di ciò, HSBC non la considera una classe di attività.

No al Bitcoin, Sì al Metaverso

Nel frattempo, con l'aumento della popolarità del metaverso, diverse aziende, tra cui HSBC e JPMorgan Chase, stanno stabilendo presenze virtuali.

HSBC lo scorso marzo ha acquistato un appezzamento di terreno all'interno del metaverso di The Sandbox, il primo istituto finanziario globale a farlo.

JPMorgan Chase è stata la prima delle grandi banche a stabilire una lounge Onyx a Decentraland, dove gli utenti potevano acquistare proprietà utilizzando criptovaluta, un mese prima.

Capitalizzazione di mercato totale di Crypto a $ 926 miliardi sul grafico giornaliero | Fonte: TradingView.com Immagine in evidenza da SuperCryptoNews, Grafico: TradingView.com

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto