La variante di Omicron e i timori di inflazione riducono i mercati delle criptovalute

La variante di Omicron e i timori di inflazione riducono i mercati delle criptovalute

Le preoccupazioni sulla variante Omicron del coronavirus e le notizie sull'inflazione dalla Federal Reserve si sono riversate sui mercati delle criptovalute.

L'incertezza su questi problemi ha indotto gli investitori nei mercati tradizionali a ritirarsi da posizioni più rischiose, che si sono trasferite su asset digitali più volatili. Ad un certo punto durante il fine settimana, Bitcoin è crollato di oltre il 20%, scendendo al di sotto della soglia di $ 50.000 a $ 42.000. Sebbene sia tornato a circa $ 49.000 entro il 5 novembre, Bitcoin è attualmente scambiato appena sopra $ 47.000.

Ciò rappresenta un calo di quasi il 20% nelle ultime due settimane, portando il prezzo di Bitcoin e l'importo investito in futures Bitcoin al punto in cui si trovavano all'inizio di ottobre. Gli ultimi dati di Coinglass per l'interesse aperto su tutte le borse sono scesi a $ 16,5 miliardi, dai $ 23,5 della scorsa settimana e fino a $ 27 miliardi il 10 novembre.

“La nostra aspettativa è che il resto del quarto trimestre sarà un mese difficile; non stiamo vedendo la forza in bitcoin che generalmente vediamo dopo uno di questi giorni schiaccianti, i mercati della leva finanziaria sono stati completamente ripristinati e l'interesse aperto all'interno dei mercati della leva finanziaria è stato completamente ripristinato ", ha affermato Matt Dibb, COO di Stackfunds.

Preoccupazioni di mercato

Questo ampio allontanamento dagli asset più rischiosi è stato in gran parte innescato dalle crescenti preoccupazioni sulla nuova variante Omicron della pandemia di coronavirus. I timori sulla diffusione della nuova variante hanno rinnovato le restrizioni ai viaggi in tutto il mondo, mentre gli scienziati cercano di determinare se gli attuali vaccini saranno efficaci contro di essa.

Anche i commenti del presidente della Federal Reserve Jerome Powell la scorsa settimana hanno generato preoccupazione per un altro potenziale rallentamento economico. Powell ha affermato che la banca centrale potrebbe iniziare a diminuire molto più rapidamente di quanto previsto in precedenza, anche aumentando potenzialmente i tassi di interesse nella prima metà del prossimo anno. Tassi di interesse più elevati hanno dimostrato di diminuire l'attrattiva di asset speculativi come Bitcoin, con prezzi in drastico calo dopo gli aumenti dei tassi nel 2017 e nel 2018.

Trading a margine

Secondo Noelle Acheson, responsabile degli approfondimenti di mercato presso il cryptolender Genesis Global Trading, anche i derivati ​​​​di criptovalute fortemente indebitati hanno contribuito al grande selloff. Ritiene che un grande ordine di vendita potrebbe aver avviato richieste di margini e liquidazioni per gli investitori. Poiché i prezzi sono ulteriormente diminuiti, gli scambi hanno proceduto a chiudere il posizionamento degli investitori che avevano acquistato bitcoin a margine. Secondo Coinglass, solo sabato gli exchange hanno chiuso posizioni long bitcoin per oltre 2 miliardi di dollari.

Il trading con leva di derivati ​​su criptovalute è diventato molto redditizio per gli scambi di tutto il mondo. Alcuni consentono agli utenti di effettuare scommesse sovradimensionate, fino a 20 volte l'importo dell'investimento iniziale, con pochi soldi in meno. Tuttavia, una piccola mossa nella direzione sbagliata può quindi far sì che uno scambio liquida le posizioni dei clienti in caso di perdita dell'investimento iniziale.

Cosa ne pensi di questo argomento? Scrivici e raccontaci !

Il post Omicron Variant & Inflation Fears Curtail Crypto Markets è apparso per primo su BeInCrypto .

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto