La prova di riserva non è abbastanza buona, afferma l’industria

La prova di riserva non è abbastanza buona, afferma l'industria

Lo spazio crittografico è pieno di scambi che sono stati violati, hanno perso i fondi dei clienti o addirittura sono diventati truffe elaborate. Il crollo di FTX a causa di una crisi di liquidità nelle ultime settimane è stata la catastrofe più famosa fino ad oggi.

In risposta a queste evidenti carenze, molti scambi hanno adottato misure per aumentare la trasparenza e la fiducia tra i propri utenti. La prova di riserva è una di queste misure, con molti importanti scambi che ora implementano questo processo. In termini semplici, la prova di riserva è un processo mediante il quale uno scambio verifica di disporre di riserve sufficienti (in questo caso, fiat e criptovaluta) per sostenere i saldi dei propri clienti.

La prova di riserva ha fatto notizia nelle ultime settimane dopo il crollo di FTX. In un tweet dell'8 novembre, prima che l'exchange dichiarasse bancarotta, CZ si è impegnata a implementare la prova di riserva per fornire "piena trasparenza". Venerdì 25 novembre, Binance ha pubblicato un nuovo sito per spiegare il suo sistema di prova delle riserve. Attualmente, Binance ha un coefficiente di riserva del 101%. In teoria, questo dovrebbe significare che Binance ha abbastanza per coprire i depositi dei suoi utenti.

Che cos'è la prova di riserva?

La prova di riserva non è un concetto nuovo nel mondo finanziario. Un metodo simile è già utilizzato dalle banche di tutto il mondo per dimostrare ai propri clienti di disporre di fondi sufficienti per coprire i propri depositi.

In un contesto crittografico, la prova di riserva è un metodo utilizzato per verificare che le attività fiat e criptovaluta detenute da uno scambio siano sufficienti a coprire i fondi dovuti ai propri clienti. Questo viene fatto generando un hash crittografico dell'importo detenuto. Che viene poi pubblicato sul sito Web dello scambio insieme a un collegamento a un rapporto di audit di terze parti verificato. Oltre a fornire trasparenza, questo offre anche un certo grado di protezione contro l'appropriazione indebita di fondi da parte dei dipendenti dello scambio. Poiché il rapporto di audit verifica che i dati pubblicati siano accurati e l'hash corrisponda ai fondi detenuti, la probabilità che uno scambio commetta una frode è ridotta.

Come funziona la prova di riserva?

Il primo passo è che lo scambio crei un hash crittografico del numero di fondi che hanno a disposizione. Quindi pubblicano quell'hash insieme al numero di fondi detenuti sul loro sito web. Il collegamento di accompagnamento conduce a un rapporto di audit di terze parti, che verifica che l'hash pubblicato corrisponda ai fondi detenuti dall'exchange. L'hash viene generato utilizzando un programma per computer che seleziona casualmente un numero compreso tra 0 e 100.000.000.

Lo scambio quindi prende questo numero e lo aggiunge al numero di fondi detenuti. Creazione di un nuovo hash che può essere pubblicato sul loro sito. Ora, se un impiegato di borsa dovesse appropriarsi indebitamente di fondi, dovrebbe indovinare il numero che verrebbe aggiunto ai fondi detenuti. Questo sarebbe incredibilmente difficile da fare e solleverebbe seri segnali d'allarme tra i dipendenti dello scambio. Poiché l'hash è pubblicamente disponibile, qualsiasi discrepanza tra l'hash pubblicato e i fondi detenuti sarebbe altamente sospetta.

Le prove delle riserve non sono sufficienti, afferma l'industria

Tuttavia, sta emergendo uno scetticismo sull'uso della prova di riserva per salvaguardare i fondi degli utenti. Jesse Powell, CEO e co-fondatore dell'exchange con sede negli Stati Uniti Kraken , ha definito la pratica "inutile" senza scambi che includono passività o quanto deve uno scambio. Ha detto: "Mettere un hash su una riga ID è inutile senza tutto il resto".

E non è il solo a lanciare l'allarme sulla salvaguardia dei fondi. Per molti, la soluzione può essere trovata tornando a una premessa di base delle criptovalute: che non ci si può fidare delle entità centralizzate. "La prova delle riserve non è necessariamente una cattiva soluzione, ma non dipinge ancora un quadro completo della solvibilità di uno scambio o cambia le verità fondamentali sottostanti", afferma Omer Sadika, co-fondatore di Odsy Network. “Gli scambi centralizzati possono tentare di manipolare la loro prova di riserve e, ad oggi, gli scambi hanno in gran parte nascosto altre informazioni critiche come le loro passività totali. Senza una ripartizione delle passività di accompagnamento, la sola prova delle riserve di uno scambio è insufficiente.

Sono necessari audit migliori e più indipendenti

In più conversazioni con l'industria, a BeInCrypto è stato detto che la prova di riserva semplicemente non è sufficiente. Gli scambi centralizzati, in particolare, devono fare di più. In alcuni casi, ci è stato detto che anche l'inclusione delle passività non sarà all'altezza. "Uno scambio potrebbe avere molti beni, ma li ha usati come garanzia per un prestito che concede a un prestatore la prima richiesta", afferma Mark Lurie, CEO e co-fondatore di Shipyard Software.

“La prova delle passività aiuterebbe, ma le passività non sono on-chain, il che significa che la prova delle passività dovrebbe provenire da un revisore indipendente. A quel punto, diventa la stessa prova che tutte le società pubbliche e regolamentate devono fornire: rendiconti finanziari certificati. Forse stiamo reimparando le lezioni di TradFi, ovvero che le istituzioni finanziarie centralizzate dovrebbero riferire il proprio bilancio a qualcuno; o il pubblico o un regolatore.

Vale la pena notare che prima del suo crollo, FTX è stata controllata da due società separate, Armanino e Prager Metis. Tuttavia, nessuno dei due è membro delle società di contabilità Big Four. Inoltre, nessuno dei due ha verificato aziende delle dimensioni e della complessità di FTX. A causa delle loro dimensioni, l'autorità di controllo, il Public Company Accounting Oversight Board (PCAOB), li ispeziona solo una volta ogni tre anni.

Naturalmente, le istituzioni giganti come gli scambi di criptovalute centralizzati raramente scelgono la trasparenza senza essere costrette. Nonostante operino in un ecosistema che presumibilmente fa tesoro dell'apertura, gli utenti non sono ancora in piena rivolta. Mark aggiunge: "Perché aggiungere l'onere di segnalazione se non è richiesto dalla legge e se gli utenti non se ne vanno?"

Gli utenti hanno bisogno del ripristino della fiducia

Perché ci è voluto così tanto tempo prima che i grandi attori del settore mettessero in luce la trasparenza? “Per cominciare, le criptovalute stanno ancora registrando tassi di adozione senza precedenti. Per noi, questo è il motivo principale per cui si è tanto parlato di trasparenza. La necessità è reale se lo spazio deve andare avanti", afferma Antoni Trenchev, co-managing partner di Nexo. "Quando i mercati sono in crescita e l'economia globale è in forte espansione, è facile lasciarsi prendere dall'illusione che solo grandi tempi ci attendono ed essere ingenui riguardo alle inversioni di tendenza".

Man mano che lo spazio crittografico continua a crescere, sta diventando sempre più importante proteggere gli investitori dagli scambi fraudolenti. La prova di riserva è certamente un passo nella giusta direzione. Ma ci sono ancora diversi miglioramenti che potrebbero essere apportati per aumentare la trasparenza e la fiducia. È fondamentale per gli investitori avere accesso alle informazioni sui dati finanziari di uno scambio. Ciò include informazioni su come è strutturata l'attività e su come genera entrate. Oltre a dettagli sui suoi dipendenti e azionisti.

"Parte del motivo per cui i grandi attori hanno impiegato così tanto tempo ad adottare la trasparenza per impostazione predefinita è che sono solo una replica del sistema finanziario mainstream contemporaneo", afferma Don Gossen, CEO e co-fondatore di Nevermined. "La semplice argomentazione del CEX è che la loro concorrenza non è trasparente, quindi perché dovrebbero esserlo?"

Forse è il momento di iniziare ad aspettarsi di più.

Per l'ultima analisi di Bitcoin (BTC) di BeInCrypto, fai clic qui

Il post Proof-of-Reserves non è abbastanza buono, afferma l'industria è apparso per la prima volta su BeInCrypto .

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto