Il Vietnam è in cima all’indice globale di adozione di criptovalute per il secondo anno consecutivo

Le più grandi voci sull'adozione di criptovalute: Apple, Amazon e Walmart
  • Adozione complessiva colpita dal mercato ribassista ma ancora al di sopra dei livelli pre-rialzo del mercato.
  • I mercati emergenti dominano l'indice globale di adozione delle criptovalute del 2022.
  • Il mercato ribassista potrebbe non scacciare coloro che hanno messo soldi durante la fase rialzista.

Il Vietnam ha nuovamente superato il Global Crypto Adoption Index preparato dalla società di analisi blockchain Chainalysis. L'elenco ha l'India al 4° posto, gli Stati Uniti al 5°, la Cina al 10° e il Regno Unito al 17° posto in un indice contenente 146 paesi. Filippine e Ucraina sono rispettivamente al 2° e 3° posto. Anche il Vietnam era in cima alla lista lo scorso anno.

Il Global Crypto Adoption Index 2022, una parte del Geography of Cryptocurrency Report 2022 di Chainalysis che sarà pubblicato in seguito, esamina l'adozione di base delle risorse digitali piuttosto che i paesi che detengono la quota maggiore del commercio di criptovalute.

"Vogliamo anche evidenziare i paesi in cui gli investitori individuali e non professionisti stanno abbracciando maggiormente le risorse digitali", ha affermato Chainalysis in un blog sul suo indice globale di adozione delle criptovalute, ora al terzo anno.

L'Indice è stato preparato sulla base di diverse metriche ponderate in base alla parità del potere d'acquisto (PPA) per capitale. Le cinque metriche utilizzate per questo intervento chirurgico e rapporto sono il valore al dettaglio on-chain ricevuto presso gli scambi centralizzati, il volume degli scambi P2P, il valore della criptovaluta on-chain ricevuto dai protocolli Defi e il valore al dettaglio on-chain ricevuto dai protocolli Defi.

"L'obiettivo di questo sottoindice è classificare ogni paese in base all'attività totale di criptovaluta che si verifica su servizi centralizzati, quindi ponderare le classifiche per favorire i paesi in cui tale importo è più significativo in base alla ricchezza della persona media e al valore del denaro in generale all'interno del paese", spiega il blog.

Il Global Crypto Adoption Index 2022 afferma che il tasso di adozione complessivo è rallentato a livello globale in un mercato ribassista che è ancora al di sopra dei livelli di mercato pre-rialzo.

"L'adozione globale della criptovaluta ha raggiunto il suo massimo storico attuale nel secondo trimestre del 2021. Da allora, l'adozione si è mossa a ondate… Tuttavia, è importante notare che l'adozione globale rimane ben al di sopra dei livelli pre-rialzo del mercato 2019", afferma il blog, aggiungendo che l'adozione globale si è stabilizzata nel 2022 dopo essere cresciuta costantemente dalla metà del 2019.

Tra i punti chiave, il blog suggerisce che i mercati emergenti dominano il Global Crypto Adoption Index, che contiene 10 paesi a reddito medio-basso, otto a reddito medio-alto e due paesi ad alto reddito.

“… gli utenti nei paesi a reddito medio-basso e medio-alto spesso fanno affidamento sulla criptovaluta per inviare rimesse, preservare i propri risparmi in tempi di volatilità della valuta fiat e soddisfare altre esigenze finanziarie esclusive delle loro economie. Questi paesi tendono anche a fare affidamento su Bitcoin e stablecoin più di altri paesi", afferma il blog.

Il blog Chainalysis aggiunge inoltre che il mercato ribassista non ha smorzato l'entusiasmo dei nuovi utenti. Coloro che investono in criptovaluta durante il mercato rialzista probabilmente rimarranno investiti anche quando i prezzi saranno scesi.

“Uno dei motivi potrebbe essere il valore che gli utenti nei mercati emergenti ottengono dalla criptovaluta. Questi paesi dominano l'indice di adozione, in gran parte perché la criptovaluta offre vantaggi unici e tangibili alle persone che vivono in condizioni economiche instabili", afferma il rapporto.

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto