I minatori illegali di criptovalute iraniani saranno schiaffeggiati con multe e reclusione più grandi

Fin dalla sua nascita nel 2009, Bitcoin, così come le successive criptovalute, hanno generato polemiche.

In tutto il mondo, la maggior parte delle nazioni sta tentando di stabilire regole e regolamenti che disciplinano le criptovalute.

In Iran, mentre il governo consente l'estrazione regolamentata di criptovaluta, l'anno scorso le autorità hanno represso l'estrazione non autorizzata per alleviare la tensione sull'approvvigionamento energetico del paese.

Il governo iraniano intende attuare una nuova serie di leggi che rafforzeranno la sanzione per il mining illegale di bitcoin.

Lettura consigliata | Elon Musk accetterà l'offerta del fondatore di Cardano di creare Twitter decentralizzato?

L'Iran rompe la frusta contro i minatori di criptovalute illegali

La nuova legislazione della Repubblica islamica, secondo un alto funzionario della società di generazione, distribuzione e trasmissione di energia del paese (Tavanir), comporterà l'incarcerazione dei trasgressori e la revoca delle licenze commerciali.

Secondo il Tehran Times, citando l'agenzia di stampa statale IRNA, Mohammad Khodadadi Bohlouli ha affermato che l'aumento delle sanzioni include l'aumento delle multe da un minimo di tre a un massimo di cinque volte, l'incarcerazione dell'autore del reato e la revoca della licenza commerciale in caso di ripetute violazioni.

Il funzionario ha affermato che l'abuso di elettricità sovvenzionata per estrarre criptovalute degrada la qualità della fornitura di elettricità della rete nazionale e distrugge gli elettrodomestici delle persone come televisori, frigoriferi e condizionatori d'aria.

"È illegale estrarre criptovaluta utilizzando elettricità sovvenzionata destinata a abbonati domestici, industriali, agricoli e commerciali", ha affermato Khodadadi.

 Capitalizzazione di mercato totale di BTC a $ 768,51 miliardi nel grafico del fine settimana | Fonte: TradingView.com

Causando scarsità di energia

L'Iran ha messo fuori legge l'estrazione di criptovalute alla fine di maggio dello scorso anno per quasi quattro mesi come parte delle misure per ridurre la frequenza delle interruzioni di corrente, che i funzionari incolpano dell'impennata della domanda elettrica durante l'estate calda e secca.

L'IRNA ha rivelato che il comandante della polizia di Teheran, il generale Hossein Rahimi, ha dichiarato che i 7.000 minatori di computer sono stati arrestati in una struttura abbandonata a ovest della capitale.

Bitcoin e altre criptovalute sono generati da un processo chiamato mining, in cui potenti array di computer competono per risolvere complicati enigmi matematici.

Iran

 L'Iran sta andando duro contro il mining illegale di bitcoin. Credito immagine: BlockPublisher

Il processo è estremamente ad alta intensità energetica e spesso richiede elettricità generata da combustibili fossili, che sono abbondanti in Iran.

Il governo iraniano ha approvato l'estrazione di bitcoin nel 2019, ma solo per scopi industriali.

Questa sentenza ha innescato un boom minerario in tutto il paese. Più tardi, nel 2020, le autorità hanno emesso più di 1.000 apparecchiature per il mining di criptovalute.

Un importante hub di mining di Bitcoin

Nel suo studio, la società di analisi blockchain Elliptic ha affermato che l'Iran rappresenta circa il 4,5% di tutto il mining di bitcoin, generando centinaia di milioni di dollari di entrate da criptovaluta che possono essere utilizzate per mitigare l'impatto delle sanzioni statunitensi.

Lettura consigliata | Ex capo marketing di Safemoon accusato di aver gestito una truffa da 12 milioni di dollari in bitcoin

 Immagine in primo piano da Bloomberg.com, grafico da TradingView.com

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto