Ex cancelliere: il Regno Unito dovrebbe mettersi al passo con Crypto se vuole guidare

Philip Hammond, un politico britannico che ha servito come Cancelliere dello Scacchiere dal 2016 al 2019, ha esortato le autorità del Regno Unito ad aprire le braccia al settore degli asset digitali. In caso contrario, altri paesi che sono già saliti sul carro si trasformeranno in leader globali delle criptovalute, mentre il Regno Unito perderà questa opportunità.

Il Regno Unito non dovrebbe sprecare la sua occasione

Il membro del Parlamento (MP) dal 1997 al 2019 – Philip Hammond – ha criticato il governo britannico per essersi mosso troppo lentamente verso l'universo delle criptovalute. A suo avviso, i legislatori dovrebbero concentrare i loro sforzi in quella direzione nei prossimi due mesi nel caso in cui siano disposti a trasformare il Regno Unito in un centro di criptovalute.

“Non è troppo tardi per recuperare il ritardo e recuperare, ma ci stiamo avvicinando molto al punto in cui sarà troppo tardi”.

Hammond ha dichiarato una posizione simile alla fine dello scorso anno, affermando che bitcoin e le altcoin potrebbero garantire la stabilità finanziaria di Londra in tempi in cui il regno sta lottando con le conseguenze della Brexit e con un'inflazione record.

Si è anche descritto come un sostenitore della spina dorsale delle criptovalute, la tecnologia blockchain, prevedendo che sosterrà la futura rete commerciale. Pertanto, i cani da guardia domestici dovrebbero prenderlo sul serio e applicare regole complete nel settore:

“I regolatori sono stati fortemente distratti. Dobbiamo muoverci abbastanza rapidamente per dimostrare che questa tecnologia è riconosciuta e accettata dai legislatori e dalle autorità di regolamentazione nel Regno Unito".

Vale la pena ricordare che Lord Philip Hammond fa parte del settore delle criptovalute. L'anno scorso è entrato a far parte di Copper (una società di custodia di asset digitali con sede a Londra) come Senior Advisor.

"Se riusciamo a riunire il meglio della Gran Bretagna – imprenditori, industria, governo e autorità di regolamentazione – per creare e abilitare un ecosistema basato su blockchain per i servizi finanziari, garantiremo la leadership globale del Regno Unito in questo campo per decenni a venire", ha affermato alla sua nomina.

La prossima Stablecoin con ancoraggio alla sterlina britannica di Tether

All'inizio di questa settimana, la società dietro la più grande stablecoin per capitalizzazione di mercato, Tether, ha rivelato le sue intenzioni di lanciare un nuovo prodotto incentrato sulla valuta nazionale del Regno Unito. La stablecoin, chiamata GBPT, dovrebbe essere pubblicata il prossimo mese poiché inizialmente funzionerà su Ethereum.

Sarà ancorato 1:1 alla sterlina e diventerà il quinto prodotto di questo tipo di Tether dopo USDT (attaccato al dollaro), EURT ancorato all'euro, CNHT offshore cinese ancorato allo yuan e MXNT (un token lanciato di recente ancorato a peso messicano).

Il CTO di Tether, Paolo Ardoino, ha descritto il Regno Unito come "la prossima frontiera per l'innovazione blockchain". Ha anche affermato che la sua azienda ha deciso di esplorare il mercato interno a causa del piano delle autorità di trasformare il paese in un hub crittografico globale, un'ambizione che il ministro del digitale, Chris Philp, ha successivamente confermato .

Immagine in primo piano per gentile concessione di Politico

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto