Criptovalute e giochi: uno sguardo al rapporto sugli approfondimenti di NRG

Il gioco potrebbe sembrare un partner naturale ed endemico per la tecnologia blockchain e i partner di criptovaluta, in particolare quando guardiamo al coinvolgimento del gioco per guadagnare e allo spazio per l'innovazione nell'atmosfera di gioco. Tuttavia, ad oggi, è un verticale che ha visto una forte resistenza dal casual al competitivo e tutto il resto, almeno, quasi.

Daremo un'occhiata all'ultimo rapporto approfondito dell'organizzazione di eSport NRG , che suggerisce che forse il settore può emergere man mano che il pubblico crossover cresce.

Il gioco push-in: può superare gli ostacoli?

Il gioco ha fatto passi da gigante, ma nel complesso ha visto una grande resistenza intorno alle criptovalute. Tuttavia, i punti critici sono stati più rigidi per quanto riguarda i giochi casuali che competitivi. Con poche eccezioni, i principali sviluppatori di giochi hanno in gran parte evitato o negato qualsiasi interesse o movimento immediato attorno a NFT, criptovalute e simili.

Nello spazio competitivo, tuttavia, ciò non ha impedito alle organizzazioni di eSport di fare mosse, come 100 Thieves dal creare i propri NFT, che hanno distribuito gratuitamente sulla blockchain di Polygon. Inoltre, non ha impedito alle organizzazioni di collaborare e accoppiarsi con blockchain e scambi di relazioni formali. Anche la principale organizzazione TSM ha stretto un accordo sui diritti di denominazione con l'exchange di criptovalute FTX l'anno scorso, rinominando l'organizzazione come "TSM.FTX".

E che dire del gioco per guadagnare? Beh, probabilmente è troppo presto per dirlo. Axie Infinity, che è stato a lungo considerato il titolo play-to-earn più rispettato e sviluppato nello spazio, è in difficoltà, poiché la valuta nativa dei giochi $SLP è ora sotto un centesimo . Solo il tempo dirà se il play-to-earn può davvero essere implementato in modo sostenibile a lungo termine.

 L'organizzazione di eSport 100 Thieves ha rilasciato un campionato NFT gratuitamente sulla rete Polygon (MATIC) l'anno scorso e Polygon continua ad avere un focus più ampio sui giochi e sullo sport. | Fonte: MATIC-USD su TradingView.com

Lettura correlata | NFT in poche parole: una revisione settimanale

Cosa possiamo ricavare dai risultati del sondaggio di NRG?

Diamo un'occhiata ad alcuni punti principali che sono evidenziati dai dati del sondaggio di NRG, che ha una dimensione del campione notevolmente ridotta di circa 1.300 intervistati e ha preso di mira maschi di età compresa tra 18 e 34 anni (probabilmente una fascia demografica saturata nello spazio crittografico).

NFT: il sondaggio mostra che mentre 3 giocatori su 4 interrogati possiedono o hanno posseduto criptovalute, solo 1 su 4 possiede NFT. Inoltre, mentre il gioco per guadagnare deve ancora mostrare la sua fattibilità in un orizzonte di tempo a lungo termine, la maggior parte dei giocatori intervistati (57% per l'esattezza) ritiene che il gioco per guadagnare sia buono per il gioco.

Allora, qual è il problema? Il pubblico dei giochi deve ancora fidarsi degli NFT, e lo scellino spesso sfacciato, i rugpull e altri comportamenti negativi e spesso egoistici stanno probabilmente fungendo da barriera più ampia di quanto spesso diamo credito. La maggior parte dei giocatori non ha acquistato NFT per mancanza di fiducia o convinzione nell'utilità. Sebbene la maggior parte degli intervistati si considerasse "eco-consapevole", le preoccupazioni ambientali erano solo la quinta tra le principali preoccupazioni sull'acquisto di un NFT, suggerendo che la crescita delle alternative a Ethereum (o forse la convinzione nella migrazione proof-of-stake di Ethereum) sono presenti nel menti dei giocatori che stanno prestando attenzione allo spazio NFT.

Metaverse: Definire il "metaverso" è ovviamente un compito in sé e per sé (consigliamo personalmente " The Metaverse Primer " di Matthew Ball per dare una mano) ei risultati del sondaggio dell'indagine NRG convalidano questa prospettiva. 7 giocatori su 10 intervistati ritengono che la VR sia "il metaverso" e mostrano interesse per i giochi in VR, probabilmente incoraggiati dalla crescente quantità di stream VR su piattaforme come Twitch.

Nel frattempo, questi intervistati non vedono i giochi sandbox – come Roblox, Fortnite, ecc. – come parte del metaverso. Ti lasciamo decidere da solo.

Web3: L'argomento più caldo dell'ultimo anno sulla tecnologia è stato l'emergere concettuale di Web3, un'idea onnicomprensiva secondo cui il modo in cui Internet funziona potrebbe essere in un cambio di paradigma che trasferisce i diritti di proprietà dai conglomerati ai creatori. Questo tipo di cambiamento richiederà ovviamente tempo, indipendentemente dalla fase in cui credi che ci troviamo oggi, quindi l'impatto sui media e il modo in cui consumiamo contenuti, cultura e informazioni sono in gran parte incommensurabili.

Tuttavia, questo pubblico di gioco non è estraneo all'argomento. Sebbene i risultati dello studio mostrino che è due volte più probabile che il pubblico dei giochi abbia familiarità con i termini relativi a Web3, la grande maggioranza di questo pubblico – 3 intervistati su 4 – non è in grado di descrivere cosa sia specificamente Web3. Questa è una conclusione logica: anche spiegare Internet negli anni '90 non è stato particolarmente facile.

In tutto, stiamo ancora dipingendo questo spazio ogni giorno a grandi linee. Come spesso accade, i mercati determineranno il caso d'uso e la domanda e l'innovazione risponderà di conseguenza. Se sbatti le palpebre, potresti perderlo.

Lettura correlata | L'espansione di Riot Blockchain in Texas potrebbe utilizzare l'energia per illuminare 200.000 case

 Immagine in evidenza da Pixabay, Grafici da TradingView.com

Lo scrittore di questo contenuto non è associato o affiliato con nessuna delle parti menzionate in questo articolo. Questa non è una consulenza finanziaria.

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto