WazirX svela il suo rapporto di prova delle riserve, con una parte significativa dei fondi protetti nei portafogli Binance

A seguito dell'incidente di liquidità e bancarotta di FTX , che ha causato il panico nel settore delle criptovalute, numerosi fornitori di asset digitali hanno iniziato a pubblicizzare i propri fondi di riserva. WazirX, uno scambio di criptovalute indiano, si è recentemente unito ai ranghi di altre piattaforme crittografiche che hanno abbracciato la prova della trasparenza delle riserve. L'11 gennaio, hanno rilasciato una dichiarazione indicando il loro impegno nei confronti di questi standard, affermando anche che si tratta del più grande scambio di criptovalute dell'India per volume e riserve.

WazirX possiede risorse utente per un valore di 285 milioni di dollari archiviate in Tether USDT

Per mostrare la loro prova di riserve, WazirX ha attinto a Coin Gabbar, una piattaforma di monitoraggio di criptovalute di terze parti. Secondo i dati raccolti da loro, WazirX è attualmente in possesso di un impressionante valore di $ 285 milioni di risorse utente archiviate in Tether USDT

WazirX ha assegnato il 90% delle risorse degli utenti ai portafogli basati su Binance, mentre il restante 10% è diviso tra portafogli hot e cold storage. Ciò si aggiunge rispettivamente a un notevole $ 256,5 milioni nel portafoglio di Binance e a un impressionante $ 28,5 milioni archiviati in modo sicuro in altri portafogli caldi e freddi.

L'exchange ha selezionato Binance per i suoi eccezionali protocolli di protezione e misure tecniche, che garantiscono la sicurezza dei fondi degli utenti. Inoltre, è stato stabilito uno straordinario rapporto 1:1 per garantire il denaro degli utenti in caso di liquidazione. È essenziale sapere che Shiba Inu rappresenta la percentuale più alta di partecipazioni in borsa al 19%, seguita da Ethereum al 9,37%, Bitcoin all'8,28% e DogeCoin che completano le prime quattro attività all'8,18%.

Altri scambi di criptovalute indiani continuano a rivelare la loro prova di riserve

WazirX, la piattaforma di scambio leader in India, ha subito un duro colpo quando i suoi fondi sono stati temporaneamente congelati a seguito di ingiuste accuse di riciclaggio di denaro. L'indagine è durata più di trenta giorni prima che WazirX venisse scagionato e potesse continuare a servire i suoi utenti senza ostacoli.

Con l'evolversi della situazione, il CEO di Binance Changpeng Zhao ha chiarito abbondantemente che non avevano alcuna relazione con l'exchange tramite un tweet pubblico. Ha ripetutamente sottolineato che Binance non aveva la proprietà di detto scambio.

Durante le indagini, Binance ha collaborato con le autorità locali bloccando i trasferimenti di fondi off-chain su WazirX.

Sulla scia della saga FTX, le principali piattaforme di trading di criptovalute indiane non hanno detto se avrebbero rilasciato pubblicamente la prova dei loro fondi di riserva o prodotto una verifica "Merkle tree". Tuttavia, diverse borse indiane hanno presentato prove per convalidare le loro riserve, tra cui CoinSwitch, CoinDCX, ecc.

Dopo la tempesta che ha circondato FTX, Binance è stato il primo scambio ad annunciare uno schema di prova di riserva che ha scatenato una valanga di altri scambi che lo hanno fatto.

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto