Vladimir Putin: i rischi legati alle criptovalute sono molto alti (Rapporto)

Il presidente della Federazione Russa, Vladimir Putin, ritiene che il bitcoin e le monete alternative comportino rischi elevati per gli investitori. Tuttavia, ha previsto che la classe di attività potrebbe svolgere un ruolo significativo nella futura rete finanziaria.

"La volatilità è colossale"

Il politico 69enne ha espresso i suoi pensieri sullo spazio delle criptovalute durante il forum di investimento "Russian Calling" a Mosca, riportato da RBC. Secondo Putin, le risorse digitali private sono altamente volatili, il che le rende uno strumento di investimento rischioso:

“Non è supportato da nulla, la volatilità è colossale, quindi i rischi sono molto alti. Crediamo anche che dobbiamo ascoltare chi parla di quei grandi rischi”.

La natura volatile della maggior parte delle criptovalute, compreso il bitcoin, è infatti presente. Tuttavia, il principale asset digitale è un token relativamente nuovo e potrebbe superare le sue fluttuazioni di prezzo nei prossimi anni, soprattutto se le autorità gli impongono un quadro normativo completo.

Anthony Scaramucci – CEO di SkyBridge Capital – è un sostenitore di questa tesi. Di recente ha paragonato BTC ad Amazon, ricordando che anche il colosso dell'e-commerce era instabile nei suoi primi giorni ma ora è una delle aziende più influenti.

Pur criticando le criptovalute, però, Putin non ha escluso la possibilità che possano entrare a far parte del futuro sistema monetario:

“Anche se, ovviamente, in alcuni paesi, in alcune economie, le criptovalute vengono utilizzate sempre più ampiamente. Forse questo è il futuro, ma dobbiamo monitorare da vicino come si svilupperà questo processo”.

Non molto tempo fa, il vicino meridionale della Russia, la Cina, ha imposto un divieto totale all'estrazione e al commercio di criptovalute. Putin ha rivelato che il suo Paese non ha intenzione di arrivare a tanto. Le autorità seguiranno gli sviluppi nel settore e implementeranno "elementi di regolamentazione", che non danneggeranno l'economia della nazione:

“Per quanto riguarda la Russia, agiremo sulla base delle realtà che si stanno sviluppando nel nostro Paese. Dovrebbero esserci alcuni elementi di regolamentazione, ma non quelli che limiterebbero l'attività economica”.

Vladimir Putin
Vladimir Putin, Fonte: Bloomberg

La posizione precedente di Putin

Non è la prima volta che il presidente russo condivide il suo punto di vista sull'universo delle criptovalute. A metà ottobre, ha notato che bitcoin e altri asset digitali potrebbero un giorno essere utilizzati come unità di conto e mezzo di pagamento.

Alla domanda se le criptovalute possano sostituire il dollaro USA quando regolano le negoziazioni petrolifere, ad esempio, Putin ha detto che "troppo presto per parlarne:"

“Per trasferire fondi da un luogo a un altro – sì, ma per il commercio, per non parlare del commercio di risorse energetiche, secondo me, è ancora prematuro”.

Immagine in evidenza per gentile concessione dell'agenzia Anadolu

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto