Morte del mining di GPU? I profitti delle criptovalute popolari diventano negativi quando i minatori di Ethereum inondano il mercato

I profitti minerari delle criptovalute PoW sono diventati negativi in ​​seguito alla fusione di Ethereum mentre i minatori di ETH inondano gli hashrate di queste altre monete.

Profitti minerari di popolari criptovalute Proof-of-Work come Ethereum Classic Crater dopo la fusione

Un paio di giorni fa, la tanto attesa fusione di ETH è finalmente arrivata e ha trasformato la rete in un meccanismo di consenso basato su PoS.

Poiché le catene proof-of-stake non si basano sui minatori per l'hashing dei blocchi, ogni minatore collegato a Ethereum è rimasto senza l'intero reddito.

Alcuni di questi minatori hanno svenduto le loro piattaforme minerarie per uscire dal mercato, mentre altri sono passati alle restanti reti proof-of-work.

C'è, tuttavia, un problema con i minatori che passano ad altre monete ed è che tutte le criptovalute PoW che utilizzano schede grafiche per il mining (ovvero quelle diverse da Bitcoin) avevano un hashrate di magnitudo inferiore rispetto a ETH prima della fusione.

Esiste un concetto generale di difficoltà di mining attraverso catene di criptovalute, in cui la rete regola la velocità con cui i minatori possono eseguire l'hashing di nuovi blocchi in base all'hashrate totale. Di solito, le monete aumentano la difficoltà quando l'hashrate sale per bilanciare le cose e mantenere il tasso di produzione dei blocchi quasi costante.

Un'ondata di GPU precedentemente utilizzate per il mining di ETH che entrassero improvvisamente in questi altri hashrate significativamente più piccoli comporterebbe quindi un'esplosione di difficoltà.

Ecco alcuni dati dal sito Web WhatToMine che calcola i profitti del mining di criptovalute che mostra dove si trovano attualmente i profitti delle monete PoW con alcune delle maggiori capitalizzazioni di mercato:

Nessuna criptovaluta nell'elenco offre attualmente profitti minerari positivi | Fonte: WhatToMine

Come puoi vedere nella tabella sopra, Ethereum Classic , la moneta che è attualmente l'opzione di mining più popolare sul mercato, fa guadagnare ai minatori un profitto di -$ 0,78 l'ora in questo momento. Questa cifra presuppone un prezzo medio dell'elettricità di $ 0,1 per kWh e utilizza l'hash di tre schede grafiche AMD RX 480 per effettuare il calcolo.

Anche con la GPU più potente disponibile sul mercato, la 3090ti, i profitti orari di mining ETC rimangono negativi a circa -0,50$.

Come alcuni avevano già ipotizzato prima della fusione, sembrerebbe che non ci fossero criptovalute con hashrate e capitalizzazione di mercato abbastanza grandi da assorbire i minatori ETH, che rappresentavano la stragrande maggioranza dei minatori di criptovalute GPU là fuori.

È possibile che una moneta PoW possa sorgere in futuro per diventare abbastanza grande da ospitare quantità comparabili di hashrate come faceva una volta Ethereum, ma per ora sembrerebbe che il mining basato su schede grafiche sia morto.

Prezzo ETH

Al momento in cui scriviamo, il prezzo di Ether fluttua intorno a $ 1,4k, in calo del 6% nell'ultima settimana.

Il valore dell'ETH crolla | Fonte: ETHUSD su TradingView Immagine in evidenza da GuerrillaBuzz Crypto PR su Unsplash.com, grafico da TradingView.com

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto