L’operatore BTC-e che ha utilizzato Bitcoin per riciclare 4 miliardi di dollari è stato estradato negli Stati Uniti per far fronte alle accuse

Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti (DOJ) ha annunciato venerdì che Alexander Vinnik, un russo di 42 anni, è stato estradato dalla Grecia negli Stati Uniti per affrontare molteplici accuse relative al riciclaggio di denaro e alla gestione di uno scambio illegale di criptovalute.

Vinnik ha avuto problemi legali con il DOJ nel 2017 per aver presumibilmente gestito l'ormai defunta piattaforma di trading di criptovalute BTC-e negli Stati Uniti senza un'adeguata autorizzazione e aiutato i criminali a riciclare almeno $ 4 miliardi attraverso Bitcoin.

Una bagarre per l'estradizione

Nello stesso anno fu arrestato in Grecia su richiesta del governo degli Stati Uniti. Dopo il suo arresto, i beni di Vinnik, per un valore di 90 milioni di dollari, sono stati confiscati dalla polizia della polizia neozelandese. All'epoca, le autorità hanno notato che BTC-e non aveva politiche antiriciclaggio, facilitando così una serie di crimini informatici, tra cui riciclaggio di proventi illeciti, attacchi ransomware, frode, furto e reati di droga.

Nel gennaio 2020, il 42enne è stato poi estradato in Francia dopo una lotta per l'estradizione durata anni tra Russia, Francia e Stati Uniti.

Dopo la sua estradizione in Francia, Vinnik ha negato le accuse e ha chiesto il trasferimento in Russia, dove deve affrontare accuse penali minori che coinvolgono circa $ 11.000. La sua richiesta è stata respinta da un giudice con sede a Parigi che ha stabilito che sarebbe stato accusato in Francia di aver frodato almeno 100 persone tramite ransomware tra il 2016 e il 2018.

Nel dicembre 2020, i pubblici ministeri francesi hanno condannato Vinnik a cinque anni di carcere per riciclaggio di denaro. Tuttavia, è stato assolto dall'accusa iniziale di aver frodato persone tramite ransomware.

Gli Stati Uniti estradano Vinnik dalla Grecia

Giovedì, il criminale è stato trasferito di nuovo in Grecia ed estradato negli Stati Uniti. Ora deve affrontare 21 accuse, tra cui la gestione di un'attività di servizi di denaro senza licenza, cospirazione per commettere riciclaggio di denaro, riciclaggio di denaro e transazioni monetarie illegali.

"Dopo oltre cinque anni di contenzioso, il cittadino russo Alexander Vinnik è stato estradato ieri negli Stati Uniti per essere ritenuto responsabile della gestione di BTC-e, uno scambio criminale di criptovalute, che ha riciclato oltre 4 miliardi di dollari di proventi criminali", ha affermato l'assistente del procuratore generale Kenneth A. Polite, Jr. della Divisione Criminale del Dipartimento di Giustizia.

Il Federal Bureau of Investigation (FBI), la Homeland Security Investigations e la US Secret Service Criminal Investigative Division stanno ancora indagando sul caso. Vinnik rischia di passare fino a 50 anni in una prigione americana se ritenuto colpevole.

L' operatore post BTC-e che ha utilizzato Bitcoin per riciclare 4 miliardi di dollari estradato negli Stati Uniti per far fronte alle accuse è apparso per la prima volta su CryptoPotato .

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto