L’indagine mostra che gli scambi di criptovalute russi stanno aiutando segretamente il riciclaggio di denaro

Uno dei motivi per cui i regolatori disapprovano le transazioni crittografiche è l'anonimato. Ad esempio, con mixer crittografici come Tornado Cash, gli utenti crittografici possono inviare e ricevere denaro senza compromettere le proprie informazioni personali.

Sfortunatamente, questo sistema consente anche ai criminali di eludere le autorità, soprattutto quando trasferiscono denaro ottenuto con mezzi illegali. Ecco perché molti regolatori in diversi paesi perseguono severe leggi antiriciclaggio (AML) e misure Know Your Customer (KYC).

Ma sembra che l'istituzione di queste leggi non sia sufficiente se gli scambi di criptovalute non fanno la loro parte nel farle rispettare. Un recente rapporto ha rivelato che alcuni scambi di criptovalute in Russia hanno accettato una corsa al riciclaggio di denaro per prendere USDT e dare contanti in GBP a Londra.

Otto scambi di criptovalute in Russia che eludono l'AML del Regno Unito, TI

In una recente indagine di Transparency International , otto exchange di criptovalute con sede a Mosca hanno mostrato la volontà di sostenere un tentativo di riciclaggio di denaro. I ricercatori hanno scambiato messaggi di telegramma con questi scambi, dichiarando anche l'enorme importo coinvolto nella transazione, ma non si sono scoraggiati. Gli scambi erano pronti ad accettare USDT nella città di Mosca e dare contanti in GBP a un contatto a Londra.

Nel rapporto , TI ha notato che la città di Mosca ospita molti venditori e società di servizi per soddisfare le diverse esigenze dei suoi visitatori. Pertanto, è possibile trovare scambi di criptovalute nella città di Mosca disposti ad aiutare i clienti a trasferire denaro fuori dal paese.

Poiché i cittadini non possono utilizzare le carte emesse dalla Russia all'estero, si affidano ad altri mezzi per trasferire fondi in altri paesi e ottenere contanti lì. Questo è il motivo per cui la crittografia è diventata un'alternativa migliore, poiché nessuno mette in dubbio la fonte di reddito dell'acquirente durante la transazione.

Quindi gli investigatori si sono concentrati sulla ricerca di scambi di criptovalute che accettano contanti, scambiano stablecoin e quelli disposti ad acquistare stablecoin in russo e offrire denaro all'estero. La principale stablecoin di interesse era USDT poiché è priva di volatilità dei prezzi.

Gli scambi di criptovalute russi aiutano segretamente il riciclaggio di denaro, ecco i dettagli

Dopo aver determinato l'obiettivo, TI ha cercato online e ha trovato 21 scambi situati nella città di Mosca. Quindi ha esaminato gli scambi e ha scoperto 14 broker over-the-counter (OTC). Dopo molte discussioni con le borse, Transparency International ha scoperto che 8 su 21 erano pronti a scambiare USDT con contanti in GBP a Londra.

Gli otto scambi di risorse digitali elencati nel rapporto erano Pridechange, Bitokk, Alfa Exchange, Suex, Finex24, Mychange, Trust Exchange e 24expay. Transparency International ha anche fornito collegamenti ai rispettivi siti Web nel rapporto. Ha anche rivelato che l'OFAC ha sanzionato l'exchange Suex nel 2021 per aver facilitato le transazioni per gli hacker ransomware. Di conseguenza, il sito Web è attualmente inattivo.

Il regolamento sulle criptovalute del Regno Unito

Le imprese digitali nel Regno Unito operano secondo le norme antiriciclaggio dal 2020. Secondo la normativa britannica , le società di criptovalute ricadono sotto la giurisdizione della Financial Conduct Authority (FCA). L'organismo si concentra principalmente sulla supervisione delle risorse digitali per AML. Tuttavia, le attività di asset digitali non soggette alla FCA ma che gestiscono grandi quantità di denaro devono registrarsi presso l'Her Majesty's Revenue and Customs (HMRC).

Lo scopo di imporre queste leggi all'industria delle criptovalute del Regno Unito è evitare casi di riciclaggio di denaro, proprio come quello attuale. In particolare, quando TI ha chiesto a questi scambi di accettare di facilitare il riciclaggio di denaro, 24expay ha negato di offrire tali servizi e non ha mantenuto uffici a Londra.

D'altra parte, Bitokk ha dichiarato di rispettare le leggi antiriciclaggio nelle transazioni come raccomandato dal GAFI. Finex24 ha affermato di non avere partner nel Regno Unito e di non aver mai scambiato criptovalute con GBP. Ha inoltre rivelato che la sua società è registrata in Lituania e lavora con un funzionario antiriciclaggio.

Immagine in primo piano da Pixabay e grafico da Tradingview.com

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto