La Thailandia mira ad attirare i ricchi di criptovalute nell’ultima spinta turistica

La Thailandia mira ad attirare i ricchi di criptovalute nell'ultima spinta turistica

L'Autorità per il turismo della Thailandia (TAT) sta cercando di attirare ricchi investitori in criptovalute nel suo ultimo sforzo per rilanciare la malconcia industria del turismo nel Regno del sud-est asiatico.

Il dipartimento del turismo statale sta prendendo di mira i "milionari cripto-milionari appena coniati" mentre tenta di ridare vita alla sua industria del turismo decimata.

Come riportato da Bloomberg la scorsa settimana, il governatore della TAT Yuthasak Supasorn sta collaborando con le società e gli scambi di criptovalute locali per iniziare ad accettare le criptovalute per i viaggi.

La nazione dipendente dal turismo ha perso 80 miliardi di dollari di entrate a causa della pandemia. Una volta vantava ben 40 milioni di arrivi internazionali all'anno prima del Covid.

Supasorn vuole rendere più facile per l'élite cripto spendere le proprie risorse digitali nel Regno,

Se possono usare le loro valute qui senza doverle scambiare, o doversi confrontare con le tasse governative, allora creerebbe loro convenienza.

Messaggi misti su crypto

Ci sono stati messaggi contrastanti sull'adozione della criptovaluta in Thailandia con il governo sostenuto dai militari, la banca centrale e i regolatori finanziari in gran parte disapprovati dalle risorse crittografiche.

Le risorse digitali non hanno corso legale in Thailandia e ci sono pochissimi posti che accettano Bitcoin, per non parlare di altre valute digitali come metodi di pagamento. A maggio, l'ufficio antiriciclaggio del paese ha annunciato che a partire da luglio gli exchange di criptovalute dovranno verificare fisicamente l'identità dei nuovi clienti .

Il TAT vuole anche lanciare il proprio token chiamato TAT Coin come parte di questa nuova unità di "criptourismo" al fine di attirare i nomadi digitali. L'infrastruttura è pronta, secondo un articolo del Bangkok Post della scorsa settimana, ma è in attesa dell'approvazione del governo.

"Le criptovalute sono il futuro, quindi dobbiamo rendere la Thailandia una società cripto-positiva per accogliere questo gruppo di turisti di qualità", ha affermato Yuthasak. Non si aspetta che i numeri del turismo tornino ai livelli pre-Covid fino al 2024.

L'ente del turismo thailandese ha provato qualcosa di simile a febbraio quando ha preso di mira i ricchi detentori di criptovalute giapponesi, tuttavia, i risultati sono stati deludenti.

Nessun revival del turismo thailandese ancora

La Thailandia è stata bloccata e di fatto chiusa agli stranieri dal marzo 2020. I numeri di COVID-19 sono diminuiti in modo significativo, ma il governo è stato molto cauto riguardo alla riapertura e all'allentamento delle restrizioni.

Nonostante una morbida "riapertura" il 1 novembre per i viaggiatori vaccinati provenienti da 60 paesi, ci sono stati solo una manciata di arrivi di turisti nella destinazione turistica un tempo popolare. Le procedure di quarantena all'arrivo sono state in gran parte allentate, ma molte attività turistiche rimangono chiuse e ci sono ancora pesanti restrizioni sull'intrattenimento, la vita notturna e l'alcol, che sono le cose che molti turisti generalmente cercano quando si recano in Thailandia.

Il post Thailandia mira ad attirare i ricchi di criptovalute nell'ultima spinta turistica è apparso per primo su BeInCrypto .

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto