La più grande truffa crittografica dell’India potrebbe essere più grande di quanto stimato in precedenza (rapporto)

La più grande frode crittografica dell'India fino ad oggi continua a fornire nuovi dettagli, estendendo le dimensioni e la portata della truffa anche quattro anni dopo la prima volta che il caso è venuto alla luce.

In precedenza, la polizia aveva stimato che la truffa GainBitcoin coinvolgesse circa 80.000 BTC, ma ora sospettano che il numero sia compreso tra 385.000 e 600.000, secondo i media. Anche al tasso attuale, 600.000 BTC valgono oltre $ 12 miliardi, quasi un trilione di INR.

I rapporti suggeriscono anche che il numero di persone truffate potrebbe essere 100.000. Le denunce della polizia (First Information Report – FIR) presentate dagli investitori che hanno perso i loro soldi nello schema MLM sono aumentate a 40. Finora, la polizia ha rilevato 60.000 ID utente e indirizzi e-mail.

La mente della truffa GainBitcoin, Amit Bhardwaj, è morta per arresto cardiaco nel gennaio di quest'anno.

Modello di business imperfetto

Questo schema di marketing multilivello ha offerto un ritorno mensile del 10% in bitcoin sugli investimenti in BTC per 18 mesi. Gli investitori dall'India e dall'estero hanno depositato i loro BTC nel richiamo di rendimenti più elevati. Ma dato il numero limitato di BTC, è stato un modello di business imperfetto fin dall'inizio che alla fine è fallito nel 2018, lasciando una lunga scia di investitori truffati.

Durante le lunghe indagini e i procedimenti giudiziari, la Corte Suprema dell'India una volta ha chiesto al procuratore del governo di spiegare se il bitcoin è legale o meno in India, una domanda a cui le autorità hanno finora evitato di rispondere direttamente.

Tracciare i portafogli

La direzione dell'applicazione dell'India (ED) sta indagando sul caso e ha accusato diversi membri della famiglia di Amit Bhardwaj, inclusi suo padre e suo fratello, per il loro presunto coinvolgimento nella truffa. A marzo, ha spinto la Corte Suprema dell'India a dare indicazioni a uno dei principali accusati e al fratello di Amit Bhardwaj di fornire l'accesso ai suoi portafogli crittografici fornendo nomi utente e password.

Tuttavia, l'imputato ha detto attraverso il suo avvocato di aver già fornito tutti i dettagli alla polizia.

Ma gli investigatori ritengono che la famiglia Bhardwaj, inclusa Ajay, abbia utilizzato più portafogli per raccogliere depositi di BTC e molti di loro devono ancora essere rintracciati. All'inizio di questo mese, l'ED ha condotto incursioni in sei località di Delhi, comprese alcune relative ad avvocati di uno studio legale con sede a Delhi.

I resoconti dei media hanno rivelato che l'ED ha confiscato diversi dispositivi elettronici e documenti cruciali, suggerendo che il numero di persone truffate dalla truffa GainBitcoin potrebbe essere superiore a 100.000.

Investigatori arrestati

In precedenza, CryptoPotato ha riferito che la polizia ha arrestato due investigatori privati ​​per aver rubato 1.100 BTC da uno dei portafogli durante le indagini in questo caso. Sono stati presi a bordo per assistere la polizia nelle indagini poiché le autorità non avevano le competenze necessarie.

Uno degli investigatori era un ex agente di polizia del prestigioso servizio di polizia indiano (IPS) che si era ritirato volontariamente e aveva avviato una società investigativa privata specializzata in frodi di criptovaluta.

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto