Grayscale affronta la SEC sul rifiuto dell’ETF spot di Bitcoin

  • Grayscale affronta la SEC sul rifiuto dell’ETF spot di Bitcoin
  • Grayscale afferma che la SEC non ha motivo di rifiutare l’ETF di VanEck
  • La società di investimento vuole lanciare il suo ETF spot nel luglio 2022

Negli ultimi mesi, la Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti ha bloccato gli ETF Bitcoin. Secondo la loro solita scusa, i prodotti potrebbero causare massicce manipolazioni del mercato tra tutti gli altri mali del settore. Di recente, Van Eck ha richiesto un ETF che è stato preso in considerazione dall’organismo di regolamentazione per mesi. Ma nonostante il progetto si mostrasse promettente, la SEC degli Stati Uniti ha dato il suo verdetto, che è stato un no come previsto. Tuttavia, Grayscale ha chiamato il corpo in una lettera aperta per favorire e approvare gli ETF Bitcoin Futures e non gli ETF spot Bitcoin.

Grayscale afferma che la SEC non ha motivo di rifiutare l’ETF di VanEck

Nella lettera aperta indirizzata alla segretaria dell’organismo di regolamentazione, Vanessa Countryman, da Grayscale, si è sottolineato che la bilancia non ha alcun motivo per rifiutare gli ETF spot di Bitcoin. Nella sua argomentazione, la società di investimento ha osservato che dal momento che l’ente ha già dato il via libera ai futures Bitcoin ETF, dovrebbe iniziare ad accettare l’ETF spot.

In particolare, la SEC degli Stati Uniti ha approvato tre futures Bitcoin ETF con VanEck, ProShares e Valkyrie, le parti premiate negli ultimi mesi. Grayscale ha sostenuto che non c’è motivo per cui alcuni trader possano godere dei benefici del mercato dei derivati ​​e altri non possono beneficiare degli asset. Afferma inoltre che la SEC degli Stati Uniti non segue più l’Atto di protezione amministrativa perché avrebbe dovuto trattare i due prodotti allo stesso modo.

Grayscale prevede di lanciare il suo ETF spot nel luglio 2022

Detenere un ETF Bitcoin futures consentirebbe a un trader di guadagnare ricompense speculando su quanto costerebbe in futuro, mentre l’ETF spot Bitcoin è lo stesso che detenere e scambiare risorse digitali. Grayscale, attraverso il suo braccio GBTC ha chiesto di quotare un ETF Bitcoin spot con la società in attesa di parole dalla SEC degli Stati Uniti il ​​24 dicembre.

Il motivo principale per cui l’ETF VanEck è stato rifiutato, secondo la SEC, era perché il prodotto non era in linea con l’Exchange Act del 1934. Tuttavia, Grayscale non ce l’ha in quanto credono che la legge si sia rifiutata di prendere in considerazione molti cambiamenti che si sono verificati dal 2017. La SEC degli Stati Uniti ha negato il suo primo spot Bitcoin ETP nel 2017, citando le sue ragioni contro VanEck.

Grayscale ritiene inoltre che ai trader di ETF future su Bitcoin sia stato concesso un terreno libero contro le condizioni che i trader di ETF spot devono seguire. I motivi, sezione 6(5)b dell’Exchange Act, cercano di coprire gli investitori contro i mali del mercato eliminando nel contempo i favoritismi tra trader e investimenti. Grayscale aveva precedentemente annunciato che il suo ETF spot Bitcoin potrebbe essere pubblicato nel luglio 2022, ma gli eventi recenti fanno dubitare i trader di tale affermazione.

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto