BlockFi presenta istanza di fallimento: lo scandalo FTX continua a paralizzare le criptovalute

La principale piattaforma di prestito e staking di criptovalute BlockFi ha presentato ufficialmente istanza di fallimento lunedì. BlockFi diventa l'ultima causa delle turbolenze finanziarie causate dallo scandalo FTX di Sam Bankman-Fried.

L'azienda era una delle tante affiliate di FTX e Alameda. In effetti, Alameda era l'hedge fund gemello di BlockFi. All'inizio di questo mese la piattaforma ha sospeso tutti i prelievi degli utenti, citando che le sue risorse e i suoi investimenti erano significativamente associati a FTX. Da allora, la società ha esplorato diverse alternative e le parti interessate hanno convenuto che dichiarare bancarotta fosse l'unica misura praticabile disponibile.

Come erano collegati BlockFi e FTX?

BlockFi è stata fondata cinque anni fa con il modello di business unico ed efficace di fornire prestiti garantiti da criptovalute. Gli utenti della piattaforma hanno anche potuto depositare le proprie criptovalute e guadagnare interessi. Nella sua dichiarazione pubblica , l'azienda ha dichiarato di dover denaro a oltre 100.000 creditori. FTX è stato il suo secondo maggior creditore, seguito da Ankura Trust, che ha un debito di 729 milioni di dollari.

Proprio come la maggior parte dei fornitori di servizi di crittografia, anche quest'anno la società ha faticato a far fronte al calo dei prezzi delle criptovalute. FTX è stata un'ancora di salvezza per l'azienda, poiché lo scambio di Bankman-Fried ha fornito 400 milioni di dollari di sostegno finanziario all'azienda.

La società ha dichiarato di avere a disposizione solo 257 milioni di dollari di liquidità liquida, che forniranno finanziamenti sufficienti per sostenere la sua ristrutturazione. Secondo la domanda di fallimento dell'azienda, le sue passività stimate sono comprese tra 1 e 10 miliardi di dollari.

Le ricadute di FTX continuano a mietere nuove vittime

BlockFi si unisce alla lunga lista di fornitori di servizi di crittografia che sono stati schiacciati dal fallimento dell'exchange leader. Subito dopo il crollo, anche la principale società di brokeraggio di criptovalute Genesis ha sospeso i prelievi e le nuove richieste di prestito. Secondo quanto riferito, la piattaforma ha ricevuto un numero senza precedenti di richieste di prelievo che hanno superato la sua attuale liquidità.

Anche l'exchange Gemini fondato dai gemelli Winklevoss ha seguito la stessa strada, poiché i rimborsi dei clienti sono stati notevolmente ritardati. È difficile dire fino a che punto questa turbolenza trascinerà il mercato delle criptovalute, ma il crollo di FTX ha lasciato una macchia duratura sull'industria delle criptovalute che modellerà il modo in cui gli scambi e le aziende opereranno in futuro.

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto