Bitcoin alimenta la crisi climatica: Greenpeace USA

Greenpeace USA – un gruppo di difesa ambientale – sta chiamando Bitcoin per avere quello che chiama un sistema di codici "obsoleto ed efficiente".

In un tweet di giovedì, l'organizzazione ha raddoppiato le affermazioni secondo cui il meccanismo di prova del lavoro di Bitcoin sta contribuendo alla crisi climatica. Invece, ha suggerito di sostituire il codice con un meccanismo meno dispendioso in termini energetici come la prova di partecipazione.

Campagna contro l'estrazione mineraria

Le dichiarazioni del gruppo di advocacy erano in risposta al successo della fusione di Ethereum giovedì, un evento che ha trasformato il protocollo da proof of work a proof of stake.

"Ethereum ha appena dimostrato che la criptovaluta non deve venire al costo di un pianeta vivibile", ha affermato l'organizzazione no profit. Nel frattempo, ha criticato Bitcoin per aver continuato a consumare più elettricità di "interi paesi".

Il consumo di energia di Bitcoin può variare al variare delle condizioni di mercato, ma è generalmente aumentato nel tempo con l'espansione dell'industria mineraria di Bitcoin. Secondo il Cambridge Bitcoin Electricity Consumption Index , il suo consumo teorico superiore è di circa 159,63 TW/h in questo momento. In confronto, l'intero paese della Norvegia consuma circa 124 TW/h, secondo i dati di Forbes lo scorso anno.

La sua impronta energetica si riduce alla prova del lavoro, un meccanismo per ottenere il consenso e la sicurezza blockchain consumando energia. In particolare, gli utenti (miner) consumano energia in una corsa per costruire il prossimo blocco di Bitcoin, dove i vincitori vengono premiati con BTC. Naturalmente, poiché il prezzo di Bitcoin aumenta nel tempo, sono incentivati ​​a bruciare più energia per guadagnare ulteriori ricompense.

Come ha spiegato Greenpeace, questo processo sta incentivando i minatori a riportare in vita le vecchie centrali a carbone e gas, “alimentando così la crisi climatica”.

"Non deve essere così", ha affermato l'organizzazione no profit. "Ethereum, uno dei principali concorrenti di Bitcoin, ha appena cambiato il suo sistema di codici per ridurre il consumo di energia del 99,95%".

Greenpeace ha preso di mira Bitcoin l'ultima volta a marzo, dopo che il co-fondatore di Ripple Chris Larsen ha finanziato una campagna da 5 milioni di dollari per vedere la transizione di Bitcoin alla prova di partecipazione. Come l'ultima volta, anche Greenpeace ha invitato i miliardari tecnologici affiliati a Bitcoin – inclusi Jack Dorsey ed Elon Musk – a diffondere consapevolezza sulla sua impronta energetica.

Argomenti per la prova del lavoro

Eppure i Bitcoiner non si stanno muovendo. Dorsey, per esempio, ha chiarito la sua avversione per i protocolli di prova del palo dopo aver condiviso un post sul blog che esaltava la superiorità della prova di lavoro mercoledì.

Dorsey ha anche co-firmato una lettera pro-prova di lavoro all'Agenzia per la protezione ambientale a maggio, in cui criticava la prova di partecipazione per essere incline alla centralizzazione.

Anche il presidente esecutivo di MicroStrategy, Michael Saylor, ha smesso di tirare pugni in sua difesa del mining di Bitcoin.

"[Le emissioni di carbonio di Bitcoin] difficilmente verrebbero notate se non fosse per le attività competitive di guerriglia marketing di altri promotori e lobbisti di criptovalute che cercano di concentrare l'attenzione negativa sull'estrazione di Proof of Work", ha detto in una lettera mercoledì.

C'è anche una questione di quanto cadrebbero le emissioni globali se la transizione avesse effettivamente luogo. Si stima che Bitcoin sia responsabile di circa lo 0,08% delle emissioni globali in questo momento, che sarebbe presumibilmente il limite della sua riduzione delle emissioni.

Inoltre, la fusione ha dimostrato che non tutti i minatori andranno offline dopo un tale aggiornamento. Piuttosto, molti sembrano essere migrati verso altre catene di proof of work, come Ethereum Classic.

Il post Bitcoin sta alimentando la crisi climatica: Greenpeace USA è apparso per la prima volta su CryptoPotato .

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto